user
28 marzo 2018

Lazio, un hacker truffa i biancocelesti: dirottato bonifico da 2 milioni per l'acquisto di de Vrij

print-icon
dev

Un pirata informatico sarebbe riuscito a modificare il numero di conto al quale la società di Lotito doveva inviare l'ultima rata da 2 milioni per il pagamento di de Vrij, prelevato dal Feyenoord per 7 milioni nel 2014. Aperto un fascicolo da parte del sostituto procuratore Edmundo De Gregorio, le due società si sono dichiarate parte lesa

7 partite su 10 di Serie A in esclusiva su Sky

Una truffa in piena regola, con vittime illustri e cifre a 6 zero. Protagonisti, ovviamente incolpevoli, la Lazio, il Feyernoord e de Vrij, in un triangolo cibernetico degno dei migliori gialli a sfondo tecnologico. Siamo nel 2014 e la società di Lotito deve versare al club olandese l'ultima rata relativa all'acquisto del forte difensore centrale olandese, 2 milioni di euro tondi tondi. Come già accaduto per i pagamenti precedenti, il metodo è sempre lo stesso: un bonifico internazionale alla solita banca olandese. Tutto chiaro, tutto semplice, tutto in regola. Ma solo in teoria. Perché i soldi vengono regolarmente spediti, ma mai ricevuti. Qualcuno, infatti, si è inserito nella corrispondenza tra i due club e ha inviato una mail alla Lazio con un numero di conto differente rispetto a quello del Feyenoord. Stessa banca, stesse modalità di invio, stessa carta intestata del club olandese, ma cifre differenti. E i 2 milioni svaniscono nel buio. O meglio, nella rete di un hacker.

De Vrij conferma il suo addio: "Lazio, dispiace andare via così"

Lazio e Feyenoord parti lese

Sulla vicenda sta indagando il sostituto procuratore Edmundo de Gregorio, sulla cui scrivania c'è da giorni un fascicolo che per essere chiuso aspetta solo l'arrivo di una rogatoria dall'Italia all'Olanda. Considerate le modalità della truffa, l'ipotesi è chi l'abbia attuata sia una persona interna a uno dei due club, più probabilmente olandese, perché doveva conoscere molto bene le fasi della trattativa e i tempi dei pagamenti. Proprio per questo bisognerà aspettare la rogatoria per capire da quale computer sia partita la mail incriminata. Le due società si sono dichiarate parte lesa e intanto aspettano, per capire dove siano finiti questi due milioni di euro. Se oltre al difensore, che ha deciso di non rinnovare e lascerà in estate i biancocelesti, la Lazio perderà anche i soldi, effettivamente oltre il danno per Lotito arriverebbe anche una grande beffa.

LE ULTIME NOTIZIE DI SKYSPORT

I PIU' LETTI DI OGGI