Ronaldo alla Juve, un triplo capolavoro: i motivi che hanno portato al colpo del secolo

CalcioMercato

Luca Marchetti

In bianconero arriva quello che in questo momento è il miglior giocatore del mondo. Ma c'è di più. Il club di Andrea Agnelli ha compiuto una serie di mosse perfette che hanno concretizzato il grande "colpo del secolo". Qui vi spieghiamo quali

RONALDO E' DELLA JUVE: RIVIVI IL C7-DAY
CR7 ALLA JUVE: LO SPECIALE

Cristiano Ronaldo alla Juventus. Anche a scriverlo non sembra ancora un’ufficialità. E già questo basterebbe a spiegare la portata dell’operazione. Che ha almeno tre gradi di lettura. Ed è un triplo capolavoro proprio per queste tre chiavi di lettura.

Primo capolavoro

Intanto la Juventus porta a casa quello che in questo momento è il miglior giocatore al mondo. Non quello che è stato il miglior giocatore al mondo. Quello che lo è ora. Attuale Pallone d’Oro (il quinto, e ha detto di volerne vincere altri due), ha vinto le ultime tre Champions League da protagonista (tanto per dire ha segnato più gol lui in Champions che tutta la Juve). E’ un colpo mediatico senza precedenti. Perché di giocatori fortissimi, forti quanto CR7 e forse anche più forti (dipende dai gusti e dai tempi), in Italia sono arrivati. Maradona, Ronaldo il fenomeno, Zico addirittura all’Udinese. Ma questi giocatori (forse a parte Zico, arrivato però davvero a fine carriera) sono diventati immortali dopo il loro arrivo in Italia. Durante la loro permanenza in Italia. Nessuna squadra italiana ha comprato il giocatore più forte del mondo. A parte che negli ultimi 10 anni dovevi comprare o Messi o CR7, non è che c’era molta scelta. E la Juventus ha comprato CR7. Comprato.

Secondo capolavoro

La Juventus ha fatto un colpo sensazionale, a livello economico. Ha abbattuto il muro dei 100 milioni spesi per il cartellino. I primi due colpi più cari della serie A sono targati Juventus (CR7 e Higuain). Ma soprattutto ha disintegrato ogni record per l’ingaggio al giocatore. Cristiano Ronaldo non è un giocatore qualsiasi. Cristiano Ronaldo ha un costo enorme, ma la Juventus ha la forza di poterlo sostenere. Comprare CR7 non è una semplice acquisizione di un giocatore. Alla Juventus è stato necessario fare un business plan, per capire la sostenibilità dell’operazione. Alla Juve sono sicuri che è possibile. La Juventus è entrata nella stretta cerchia dei club che possono permettersi un giocatore del genere.

Terzo capolavoro 

La Juventus ha preso Cristiano Ronaldo proprio perché se lo poteva permettere. E questa, probabilmente, è la sorpresa più grande. Anche se di sorpresa non si può parlare, visto che la Juventus ci è arrivata con le proprie gambe e non con l’iniezione di capitali arabi o russi. Ci è arrivata con la programmazione con il lavoro. Con la capacità di crescere anno dopo anno. Con lo stadio di proprietà, con la nuova sede, con Vinovo, con il JMedical. Con un fatturato che è cresciuto di pari passo con i risultati sportivi. Fino ad arrivare ad essere competitivo per acquistare CR7. La gestione Agnelli, iniziata otto anni fa, era iniziata sempre con Marotta e Paratici e con un settimo posto e Delneri in panchina. E’ iniziata con un no da parte di Di Natale. E’ arrivata con 7 scudetti consecutivi, due finali di Champions e con la firma di CR7 sul contratto. E’ il capolavoro più lungo, più intenso. Ha portato la Juventus a giocarsela nel miglior modo possibile con tutti. CR7 era anche l’unico modo per rinvigorirsi dopo 7 scudetti consecutivi, per tornare ad avere fame, per continuare a vivere nell’entusiasmo. La Juventus ha fatto il grande passo. Tre grandi passi, per tre capolavori in uno.

I più letti