Calciomercato Padova, arrivano Broh, Cisco e Ravanelli dal Sassuolo: è ufficiale

Calciomercato
Broh, nuovo acquisto del Padova (foto sito ufficiale Padova)
broh_padova_sito

Il Padova ha ufficializzato l'arrivo di questi tre giovani in prestito dal Sassuolo. Cisco e Ravanelli erano già lo scorso anno con Bisoli, Broh è invece una novità. La carica di Pinzi: "Stiamo lavorando bene in ritiro, la Serie B è un campionato difficile ma il gruppo è unito"

MERCATO LIVE, TUTTE LE TRATTATIVE

IL TABELLONE DEL CALCIOMERCATO

Tris di prestiti dal Sassuolo per il Padova, che accoglie tre giovani per la prossima stagione. Jeremie Broh è una novità assoluta, raggiunge la squadra di Bisoli dopo aver giocato nel Sudtirol nel corso dell'ultima stagione. Cisco e Ravanelli, invece, hanno già giocato nel Padova nella scorsa stagione, sono stati nel gruppo che ha ottenuto la promozione in Serie B. Il primo è un centrocampista classe 1997, che ha collezionato anche una presenza in Serie A con la maglia del Parma. Andrea Cisco è un attaccante classe 1998, mentre Luca Ravanelli è un difensore centrale classe 1997.

Broh: "Metterò tutto me stesso in quest'avventura"

Se Cisco e Ravanelli sono due volti già conosciuti in casa Padova, Broh è una vera e propria novità. Il calciatore classe 1997 si è presentato così ai suoi nuovi tifosi: "Ho origini africane, mio padre è ivoriano e mia madre camerunense – ha dichiarato al sito ufficiale del Padova - Ho iniziato a 5 anni a giocare a calcio in una squadra locale, a 10 anni mi ha preso il Parma dove ho fatto tutta la trafila fino all'esordio in Serie A. A Parma ho conosciuto Ravanelli e Mazzocco, poi con Luca ci siamo ritrovati pure a Sassuolo, non riesco a liberarmi di lui (dice ridendo, ndr). Mi ha parlato della squadra, dell'allenatore e della città. A Pordenone mi ha insegnato molto Tedino, era molto preparato. Viali è stato esonerato dopo due partite dopo che sono arrivato, con Zanetti invece abbiamo fatto un bel lavoro individuale e di squadra. Modelli? Sono un centrocampista, gioco mezzala, ma all'occorrenza gioco mediano basso, le mie caratteristiche sono la forza fisica e la corsa. Mi ispiro a Pogba, anche se rimanendo coi piedi per terra magari somiglio di più a Kessie. Bisoli? Non fa distinzioni tra nuovi o vecchi, è un martello ed è sempre sul pezzo, ti tiene concentrato. Serie B? Uno che vuole fare il calciatore non deve aver paura, sono carico. I tifosi? Posso promettere che ci metterò impegno sempre e comunque quando l'allenatore mi chiamerà in causa. La scelta della Nazionale Azzurra? E' stato un giocoforza, mio padre ha preso cittadinanza italiana e quindi l'ho presa anche io, ho fatto Under 18 e Under 20, speriamo di indossare quella maglia ancora, ma prima devo fare bene con il Padova".

Pinzi: "Stiamo lavorando bene, Serie B difficile"

Giampiero Pinzi, invece, assicurerà grande esperienza in questo campionato di Serie B che il Padova si ritrova ad affrontare dopo la promozione ottenuta nell'ultima stagione. L'ex centrocampista dell'Udinese sta lavorando insieme ai suoi compagni di squadra e ha parlato così dal ritiro biancoscudato: "L'anno scorso avevo saltato il ritiro con Bisoli, ma sapevo che sarebbe stato molto impegnativo – ha dichiarato al sito ufficiale – Veramente gli allenamenti sono molto duri, ma stiamo mettendo benzina nelle gambe ed è la strada giusta. In ritiro si mettono le basi per la stagione e si formano le squadre, qui c'è anche già un gruppo importante dallo scorso anno. Io centrale difensivo? Bisoli mi sta provando lì, non mi ha detto nulla perchè è giusto che un calciatore faccia diversi ruoli. In carriera ho giocato esterno d'attacco, trequartista, centrocampista e mi mancava soltanto il centrale difensivo. Come impostazione è simile al mediano basso, bisogna un po' abituarsi ma da questi allenamenti mi sta piacendo come nuovo ruolo". Sulla stagione: "Quando ho giocato in Serie B col Brescia ho avuto modo di vedere che è molto difficile, si può passare dalle stalle alle stelle in un attimo. Avremo anche derby importanti, ci attendono sfide avvincenti. Squadre fallite? E' una brutta cosa, soprattutto per i miei colleghi che hanno delle famiglie. Bisogna fare qualcosa, perchè stanno fallendo squadre importanti come Bari e Cesena. Alla fine chi ci rimette sono i tifosi, che ci mettono anima e passione".

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Le news della tua squadra del cuore sempre in homepage

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti per personalizzare la tua homepage di Sky Sport