Roma, Totti: "Tre partite sono poche per poter giudicare"

Calciomercato

Dopo le numerose critiche piovute a Trigoria in seguito all'avvio di questa Serie A, Francesco Totti è intervenuto a Roma Radio affrontando diversi argomenti: dalla Juventus a Di Francesco passando per il lavoro di Monchi durante il calciomercato

SCHICK: "ORA UN PO’ DI CONFUSIONE MA TORNEREMO"

KLUIVERT: "HO GIOCATO DIVERSI MINUTI MA VOGLIO DIVENTARE TITOLARE"

In un momento di tensioni e critiche in casa Roma, a prendere la parola è Francesco Totti. Lo storico capitano giallorosso ha commentato il campionato svolto fin qui dalla squadra di Di Francesco dopo tre giornate – 4 punti in tre partite -, soprattutto in seguito alla sconfitta avvenuta a San Siro nello scorso turno quando il Milan con un gol di Cutrone in extremis ha steso De Rossi e compagni. Ha parlato così Totti ai microfoni di Roma Radio: "Stiamo vivendo un momento particolare perché nessuno si sarebbe aspettato questo inizio di stagione, ma sono tre partite e non si possono addossare colpe dopo tre partite. Il campionato è lungo e bisogna essere realisti: la Juventus fa un campionato a parte e noi facciamo un secondo campionato con Milan, Inter, Napoli e Lazio. È un altro campionato: la Juve è fuori concorso", ha affermato l’ex numero 10. "Ovviamente i tifosi guardando i risultati dello scorso anno con semifinale di Champions e terzo posto raggiunti, l’anno successivo vorrebbero migliorare. Si hanno altre aspettative. Ma migliorare vorrebbe dire arrivare in finale di Champions e vincere il campionato – ha continuato Totti -. Tutti partono per raggiungere questo obiettivo ma bisogna guardare in faccia la realtà: la Juve è fuori concorso e noi dobbiamo cercare di arrivare tra il secondo e il quarto posto. L’obiettivo è questo, oltre a passare il turno in Champions. Solo uniti si va lontano e bisogna abbandonare le dicerie extra campo".

In difesa di Di Fra e Monchi

Nell’occhio del ciclone anche Eusebio Di Francesco che invece Totti difende a spada tratta: "L’allenatore è tra i più bravi in Italia, è giovane, ha prospettive, ha carattere e non si fa influenzare da nessuno. Dimostrerà il suo valore, come già fatto lo scorso anno. Roma si aspetta grandi risultati, si vuole vincere ed è giusto ma le chiacchiere da bar dobbiamo lasciarle fuori Trigoria". Per non parlare dell’operato di Monchi: "Ha venduto grandi giocatori ma ne ha comprati altri altrettanto grandi e alcuni di prospettiva. Questa è una squadra già forte, di alto livello. Stare qui e giudicare Monchi è superfluo. A fine anno si può fare un bilancio ma non a tre giornate dall'inizio".

Caso Schick e Kluivert

Non sono passate inosservate nemmeno le parole apparentemente di sconforto da parte di Patrick Schick e Justin Kluivert dai rispettivi ritiri nazionali. Francesco Totti si è soffermato anche su questo: "Anche io a 18 anni volevo sempre giocare e se mi avessero chiesto se avessi voluto essere titolare alla Roma avrei risposto ovviamente di sì. Ora si estrapolano cose non dette e dispiace, anche perché loro sono due ragazzi eccezionali che hanno grande futuro". Infine, ha concluso: "Schick e Kluivert hanno detto la stessa cosa che avrei detto io a 18 anni, come chiunque. Dispiace, perché poi la gente legge quello che scrivono ma la realtà è un’altra e la sappiamo solo noi. La Roma ci punta e sicuramente mostreranno il loro valore".

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche