John Terry, no allo Spartak Mosca: "Non è la destinazione migliore per la mia famiglia"

Calciomercato
John Terry (getty)

Dopo aver effettuato le visite mediche a Villa Stuart, il 37enne ex capitano del Chelsea ha rifiutato l'offerta da 2 milioni dello Spartak Mosca: "Non è la scelta migliore per la mia famiglia, ringrazio comunque il club per la sua professionalità", il suo messaggio su Instagram

ZIDANE, IL RITORNO: "PRESTO ALLENERÒ DI NUOVO"

John Terry-Spartak: la trattativa è ufficialmente tramontata. Dopo aver effettuato le visite mediche a Villa Stuart, il difensore inglese non ha trovato l’accordo con il club moscovita, che gli aveva proposto un contratto annuale da 2 milioni di euro, più l’opzione per il rinnovo. Ancora da chiarire quali possano essere state le reali cause del no dell’ex capitano del Chelsea - la titubanza della famiglia, come rivelato dallo stesso giocatore, è tra quelle più accreditate - che fino a pochi giorni fa era sicuro di ripartire dal campionato russo. A sancire il definitivo rifiuto è stato lo stesso Terry, che ha fatto chiarezza sulla sua scelta con un post su Instagram: “Dopo aver ragionato a lungo, ho deciso di declinare l’offerta di contratto che mi è stata recapitata dallo Spartak Mosca - si legge - Vorrei cogliere l’occasione per ringraziare il club e augurare a tutti loro e ai tifosi ogni bene per il resto della stagione. Sono una società ambiziosa e sono stati positivamente impressionato dalla loro professionalità. Ma dopo aver discusso con la mia famiglia circa il trasferimento, abbiamo deciso che questa non è per noi la miglior scelta in questo momento. Buona fortuna, Spartak”. Il futuro del 37enne è dunque ora nuovamente in bilico.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche