Hazard spaventa il Chelsea: "Felice di essere rimasto, ma il mio sogno è giocare in Spagna"

Calciomercato

L’attaccante del Chelsea, protagonista assoluto in questo avvio di stagione, spaventa i Blues: "Qui sto bene, mi piace lavorare con Sarri e sono felice di essere rimasto. Ma dopo i Mondiali volevo andare via perché il mio sogno è giocare in Spagna. Vedremo…"

CHELSEA-LIVERPOOL 1-1, HAZARD IN RETE: GOL E HIGHLIGHTS

LE GINOCCHIA BRUCIANO, HAZARD CAMBIA ESULTANZA

Una stella a brillare più di ogni altra nel Chelsea di Maurizio Sarri che tanto bene sta facendo in questo inizio di stagione: Eden Hazard. Protagonista assoluto con i Blues, capocannoniere della Premier League con 6 reti e giocatore chiave nella manovra offensiva della squadra guidata dall’ex allenatore del Napoli, l’attaccante belga – che nella gara di Coppa di Lega contro il Liverpool aveva messo a segno un gol da cineteca – ha messo la firma anche sullo scontro diretto in campionato sempre contro i Reds. E’ stata sua, infatti, la rete che ha dato il momentaneo vantaggio al Chelsea, raggiunto a Stamford Bridge dalla squadra di Klopp a pochi minuti dal termine del match. Una pedina imprescindibile, dunque, per i Blues: Hazard, oltre ad un rendimento straordinario a livello personale, si sta rivelando fondamentale anche per la squadra londinese, che nella sessione estiva di calciomercato aveva temuto di perdere il talento belga. Dopo il pericolo scampato nella scorsa estate, però, adesso è stato lo stesso Hazard a scuotere nuovamente l’ambiente Blues.

Sognando la Spagna

Intervenuto ai microfoni di BT Sport, Hazard ha infatti parlato della movimentata estate appena trascorsa e non ha sciolto i dubbi circa un suo futuro lontano da Londra, individuando una possibile meta ideale da raggiungere. "Devo dire la verità – ha ammesso l’attaccante -, dopo i Mondiali volevo andare via perché il mio sogno è giocare in Spagna. Alla fine ho parlato con la società e con l’allenatore, così ho detto che sarei rimasto senza alcun problema. Al Chelsea è arrivato Sarri, un allenatore con il quale ci piace lavorare e sono felice di essere rimasto. Ho ancora tre anni di contratto. Se rimarrò per sempre al Chelsea? Chiaramente è una possibilità, ma c’è anche la possibilità che io vada via. Amo questo club, i tifosi, la città e i compagni di squadra, per questo rimanere qui è semplice. Ma, come ho già avuto modo di dire, sarò felice sia nel caso in cui dovessi rimanere, sia se dovessi andare via. Il Chelsea è ormai parte della mia vita, ma vedremo". 

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche