Calciomercato Roma, Pastore: "Voglio rimanere per dimostrare che giocatore sono"

Calciomercato

Reduce da una stagione sfortunata, il trequartista argentino ha ribadito di volersi riscattare in giallorosso: "Ho altri tre anni di contratto, non vedo il motivo per andare via. Sono uscito dal circolo vizioso degli infortuni, ora voglio dimostrare che giocatore sono"

TOTTI-ROMA, SARÀ ADDIO: LE NEWS

ROMA, ZANIOLO NON È INCEDIBILE

CALCIOMERCATO LIVE: TUTTE LE TRATTATIVE - IL TABELLONE DEL CALCIOMERCATO

Era arrivato a Roma come la punta di diamante della campagna acquisti della passata stagione, ma l’impatto di Javier Pastore sull’universo giallorosso non è stato positivo. Tanti, troppi infortuni a condizionare la prima stagione nella Capitale del trequartista argentino, che ben presto è stato superato nelle gerarchie. Tante, dunque, le voci di un possibile addio alla Roma: a smentirle, però, ci ha pensato lo stesso Pastore, che al contrario ha affermato di aver tanta voglia di riscatto. L’ex Palermo, infatti, è intervenuto ai microfoni di Mundo, in Argentina, per fare chiarezza sul suo futuro. Che, stando alle sue parole, dovrebbe essere ancora a tinte giallorosse.

Voglia di rivincita

Un solo obiettivo dunque per Pastore, che non vede l’ora di ricominciare per dimenticare la stagione appena trascorsa: "L’ultima è stata un’annata strana – ha detto l’argentino -, quando avevo scelto di andare a Roma lo avevo fatto per giocare ed essere indispensabile per la squadra. Purtroppo, per diversi motivi, non ci sono riuscito. Non ho avuto molta continuità, ma la cosa importante è che adesso sono uscito dal circolo vizioso rappresentato dai continui infortuni ai gemelli. Voglio iniziare il ritiro con degli obiettivi importanti e la voglia di fare molto meglio rispetto all’anno scorso. Il mio futuro? Si è parlato tanto di Boca Juniors o River Plate, ma con me non si è fatto vivo nessuno. Tornare in Italia è stato un passo importante per me, la mia famiglia è italiana, in quel Paese ho avuto la possibilità di mostrare le mie qualità e di andare poi al PSG. Io ho altri tre anni di contratto con la Roma, quindi non vedo il motivo per andare via. Considerando poi che la passata stagione non è stata positiva, vorrei veramente giocare almeno un altro anno in giallorosso. Voglio dimostrare che giocatore sono e quello che posso fare. Il Palermo? Vederlo in Serie B mi ferisce e mi fa molto male".

Argentina, capitolo chiuso

In chiusura Pastore ha parlato anche della Nazionale argentina, che si prepara a disputare la Copa America in Brasile. Fuori dai convocati ormai dal 2016, il trequartista della Roma ha detto sinceramente di non aver mai sperato veramente in una chiamata: "Ho visto che la Nazionale si sta rinnovando – ha ammesso -, allora ho capito che non avrebbe avuto senso chiamarmi. La squadra è molto giovane, ci sono dei ragazzi che stanno facendo bene in Europa. E poi sono presenti quattro big come Messi, Aguero, Di Maria e Otamendi. Serve trovare il partner giusto per Messi, affinché lui possa rendere al meglio. Dybala e Matias Suarez possono essere delle buone soluzioni. Leo è il migliore al mondo e giocarci insieme è stata una fortuna. Ho condiviso tante cose con lui, in campo, negli spogliatoi e anche fuori. È come se mi avesse toccato una bacchetta magica, questo mi resterà per sempre".

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Fai login per ottenere il meglio subito.

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.