Esplora Sky TG24, Sky Sport, Sky Video
user
21 giugno 2019

Fernando Torres annuncia il ritiro: "Questo è il momento di fermarsi"

print-icon

L'attaccante spagnolo oggi in forza ai Sagan Tosu in Giappone decide di mettere fine alla sua carriera. L'annuncio su Twitter. Domenica 23 giugno spiegherà le sue ragioni in una conferenza stampa in programma a Tokyo

LA CARRIERA DI FERNANDO TORRES - TRA I MAGNIFICI 7 NEL CALCIO

CHE FINE HANNO FATTO GLI ALTRI NUMERI 9 DEL MILAN?

IL TABELLONE DEL MERCATO - LE NEWS DI SKY SPORT SU WHATSAPP

Sky Calcio: Serie A TIM 7 partite su 10 ogni turno

Fernando Torres si ritira. L'attaccante spagnolo classe 1984, lo ha annunciato su Twitter spiegando che quella di domenica prossima con la maglia del Sagan Tosu nella J1 League giapponese sarà la sua ultima partita da professionista. "Devo comunicare una cosa molto importante - spiega l'ex attaccante di Atletico Madrid, Chelsea e Milan nel filmato - dopo 18 eccitanti anni, è arrivato il momento di mettere fine alla mia carriera". Parole accompagnate da un appuntamento, quello con la conferenza stampa di addio in calendario domenica 23 giugno alle 10 a Tokyo. "Spiegherò tutto nel dettaglio" garantisce Torres, che dirà addio al calcio giocato dopo 858 partite e 295 reti da pro tra club e nazionale spagnola.

Torres dice addio: da Baby Face all'Europa League con l'Atletico

Soprannominato El Niño all'alba della sua carriera, avviata a soli 16 anni con la maglia dell'Atletico Madrid, Torres è stato protagonista sui campi di calcio del mondo per 18 anni. Lanciato in prima squadra con i Colchoneros il 27 maggio 2001 contro l'Alaves, Torres è diventato a 19 anni il più giovane capitano nella storia dell'Atletico, club con il quale ha raccolto 214 presenze e 82 reti prima di passare nel 2007 al Liverpool per 26,5 milioni di sterline, cifra record per l'epoca. Con i Reds batte alcuni record societari, come quello di gol in una stagione che apparteneva a Michael Owen e le 23 reti realizzate da uno straniero nella prima stagione di Premier League. I centri complessivi saranno 65 in 102 presenze, prima di approdare nel 2011 al Chelsea. Il triennio a Stamford Bridge non è indimenticabile, come i 20 gol in 110 partite giocate raccontano, e passa anche da un prestito semestrale al Milan senza lasciare il segno in Serie A (una rete in 10 presenze). Nel 2015 Torres ha fatto ritorno all’Atletico Madrid: altre 107 partite giocate con 27 gol, prima della partenza in direzione Giappone e Sagan Tosu nell'estate 2018. Nella sua bacheca trovano posto le due Europa League vinte nel 2013 con il Chelsea e nel 2018 con l'Atletico Madrid, la Champions League 2011/2012 con il Chelsea, la FA Cup nello stesso anno con i Blues e tre trofei con la Roja: gli Europei del 2008 e del 2012 e il Mondiale nel 2010. Ora "Baby face" è diventato adulto. E ha deciso di mettersi alle spalle una carriera ventennale per aprire un nuovo capitolo della sua vita.

LE ULTIME NOTIZIE DI SKYSPORT

I PIU' LETTI DI OGGI