Calciomercato, Carrasco sospeso dal Dalian Yifang. Per il belga in arrivo anche una multa

CalcioMercato

Periodo complicato per l'esterno ex Atletico, punito dal club cinese per non essere sceso in campo a causa del rientro in ritardo dal ritiro con la Nazionale, oltre ad altri comportamenti giudicati non professionali. Il Dalian lo ha sospeso e gli ha inflitto una multa: decisione che potrebbe spalancargli le porte per un ritorno in Europa

CALCIOMERCATO, TUTTE LE TRATTATIVE LIVE

LE NEWS DI SKY SPORT SU WHATSAPP

Il suo nome circola, ormai da un po', in tema di calciomercato. Ora, la possibilità per un suo ritorno in Europa potrebbe farsi ancora più concreta. Yannick Ferreira Carrasco, infatti, pare vicino alla rottura con il Dalian Yifang, club nella quale da qualche mese gioca anche l'ex capitano del Napoli, Marek Hamsik. Il belga è stato sospeso dalla squadra orientale e dovrà pagare anche una multa. Il motivo? L'ex Atletico, impegnato con la sua Nazionale per la doppia sfida delle qualificazioni a Euro 2020 (partenza digerita mal volentieri dalla dirigenza), è rientrato in ritardo dal ritiro con il Belgio ed è stato costretto, dunque, a saltare la partita di campionato contro l'Hebei Fortune. Il giocatore classe '93 aveva già provato a giustificarsi, fornendo la sua versione dei fatti sui social. "Per ragioni indipendenti dalla mia volontà, non potrò arrivare in tempo per aiutare la mia squadra oggi - si legge nel tweet del belga -. Il mio desiderio di vincere con il Dalian resta intatto. Auguro buona fortuna ai miei compagni! Sarò lì per aiutare il club e il presidente a vincere i prossimi match!". Al Dalian, tuttavia, non sono bastate queste parole a perdonarlo, indispettiti inoltre dall'atteggiamento di scarso impegno messo in mostra da Carrasco durante gli allenamenti. Da qui la decisione di sospenderlo. "Il club ordina al giocatore di scusarsi con i compagni entro 3 giorni e smettere di allenarsi - è scritto nella nota ufficiale -. La società pretende disciplina dal gruppo, nessuno è al di sopra della collettività". Un provvedimento che potrebbe facilitare la sua partenza, non troppo mascherata dallo stesso giocatore nelle ultime settimane. "Non è che non mi piace il calcio in Cina, ma mi piacerebbe tornare in Europa per la famiglia - aveva spiegato -. È difficile per noi adattarci qui".

Sospeso anche Yu Ziqian: "Carrasco rovina lo spogliatoio"

Carrasco non è stato l'unico giocatore sospeso dal Dalian. Lo stesso provvedimento, infatti, è stato inflitto a Yu Ziqian, punito per alcune frasi espresse sui social network e che hanno messo in cattiva luce la società. Oggetto delle sue critiche è stato proprio il belga, accusato dal compagno di squadra di atteggiamento poco professionale. “Sei una star e giochi bene, ma non puoi vincere le partite da solo - ha affermato il portiere su Weibo -. Quando abbiamo giocato contro lo Shanghai Greenland Shenhua hai preso volontariamente il giallo per farti squalificare e tornare prima in Europa, senza giocare contro lo Shanghai SIPG. E quando abbiamo giocato contro l’Hebei China Fortune, hai detto che il tuo aereo aveva fatto tardi. Ma se sei tornato un giorno prima, come è possibile? Ora che sei tornato in allenamento non ti muovi. Quando giochiamo le partitelle stai fermo in mezzo al campo, non attacchi e non difendi. Hai rovinato l’atmosfera del gruppo. Per un professionista gli allenamenti sono importanti come la vita. Non importa quanto un calciatore sia importante, non può esserlo più dell'intera squadra. Speriamo di poterci salutare in maniera gentile, così come ti abbiamo accolto quando sei arrivato". Nel caso Carrasco dovesse essere ceduto, per il Dalian si tratterebbe comunque di una grave perdita. Il belga, infatti, è attualmente il capocannoniere della squadra, con 7 gol realizzati in 10 presenze nella Chinese Super League.

I più letti