Calciomercato Sampdoria: chi è Malinovskyi, prossimo rinforzo per Di Francesco

Calciomercato

Reduce da una stagione con la vittoria del campionato e 16 gol totali con il Genk, Malinovskyi è pronto per una nuova avventura italiana. Sei mesi fa disse 'no' alla Roma, ora sembra sempre più vicino a trasferirsi alla Sampdoria: investimento di 12 milioni più bonus per i blucerchiati

CALCIOMERCATO, TUTTE LE TRATTATIVE LIVE

Dall'Ucraina al Belgio, con l'Italia nel destino: sta per completarsi il lungo giro per l'Europa di Ruslan Malinovskyi. A gennaio ci provò la Roma a portarlo in Italia, poi si era mossa concretamente l'Atalanta. Alla fine, però, il centrocampista classe 1993 arriverà in Serie A per vestire la maglia della Sampdoria. Operazione prossima alla chiusura, i blucerchiati sono pronti a investire 12 milioni di euro più bonus. Malinovskyi è un centrocampista mancino, non velocissimo ma molto dinamico. Con il suo sinistro riesce a essere molto pericoloso con le conclusioni da fuori area, ma anche con soluzioni da calcio piazzato. In carriera ha anche ricoperto il ruolo di trequartista, ma da mezzala riesce a rendere al massimo: questo ruolo, probabilmente, riesce ad esaltare al meglio le sue doti tecniche e, per caratteristiche, l'ucraino è un centrocampista adatto al calcio di Eusebio Di Francesco.

I numeri

Centrocampista ma con numeri da attaccante. Malinovskyi ha segnato ben 16 gol nell'ultima stagione con la maglia del Genk, ai quali vanno aggiunti altrettanti assist. Nel campionato belga sono arrivati 9 gol e 9 assist in 28 presenze, più i 4 gol e i 3 assist nelle 9 partite playoff decisive per la vittoria del titolo. Malinovskyi ha segnato in una sola stagione più di quanto aveva fatto nelle due precedenti in Belgio, a dimostrazione di una crescita continua che ha portato al definitivo salto di qualità. Una risalita costante, dopo la rottura del legamento crociato subita nel 2016 che lo tenne fuori per ben 245 giorni. Ora Malinovskyi riesce a imporsi con qualità e personalità, centrocampista capace di far girare la squadra e di andare in gol. Tiri da fuori e punizioni, assist e giocate: bonus garantiti, un acquisto interessante anche in ottica fantacalcio.

Dal 'no' alla Roma alla rottura con il Genk

Arriverà quindi in Italia con sei mesi di ritardo. A gennaio, infatti, fu contattato dalla Roma, ma preferì restare al Genk per contribuire alla vittoria del titolo in Belgio. Anche perché il suo club gli promise che, una volta finita la stagione, lo avrebbe liberato per una nuova avventura in un campionato prestigioso come quello di Serie A. Una promessa che ha scatenato anche qualche polemica in quest'inizio di mercato, visto che il club belga ha cercato di ostacolare la partenza del centrocampista ucraino. “La società aveva promesso che non mi avrebbe trattenuto se, in estate, avessi chiesto la cessione. Ora mi stanno bloccando, mi sento tradito”, aveva infatti dichiarato lo stesso Malinovskyi. Alla fine, però, la sua volontà di lasciare il Genk per iniziare una nuova avventura avrà la meglio. A gennaio avrebbe trovato Eusebio Di Francesco alla Roma, a sei mesi di distanza dal 'no' ai giallorossi ritroverà lo stesso allenatore alla Sampdoria.

Ennesima plusvalenza per il Genk

La sua carriera, Malinovskyi, l'ha iniziata allo Shakhtar Donetsk. Tanti prestiti in Ucraina e poco spazio nel suo club, fino al trasferimento in Belgio. Dopo un anno il Genk lo ha riscattato per 4 milioni e ora, a due anni di distanza, lo venderà a più del triplo: 12 milioni più bonus. Per il club belga, dunque, è in arrivo un'altra plusvalenza, l'ennesima degli ultimi anni. Il Genk, infatti, è diventata ormai un serbatoio di grandi talenti. Alcuni, come Kevin De Bruyne, scoperti giovanissimi e cresciuti in casa, prima di spiccare il volo. Altri, proprio come Malinovskyi, acquistati per pochi milioni e poi valorizzati. Il Genk è dunque da anni esempio di idee e programmazione, di investimenti mirati e progettualità. Da questo club sono passati calciatori come Courtois e Koulibaly, Milinkovic-Savic e Leon Bailey del Bayer Laverkusen. Due anni fa, dal Genk, l'Atalanta comprò Timothy Castagne, oggi uno dei pezzi pregiati della squadra di Gasperini. L'anno scorso, invece, la Sampdoria decise di scommettere su Omar Colley. Ora l'asse Genk-Genova si rinnova: in arrivo Ruslan Malinovskyi, idee, qualità e fantasia per il centrocampo di Eusebio Di Francesco.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Fai login per ottenere il meglio subito.

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.