Barcellona, Griezmann si presenta: "Messi non mi voleva? Mi farò perdonare sul campo"

Calciomercato

Giornata di presentazione per il francese, che ha scelto di indossare la maglia numero 17: "Arrivo in un grande club, cercherò di renderlo ancora più grande. Messi e Suarez non mi volevano? Se ho qualcosa da farmi perdonare, lo farò sul campo"

CALCIOMERCATO LIVE: LE TRATTATIVE

LA PROTESTA DEI TIFOSI DELL'ATLETICO - CHE CAOS INTORNO ALLA CLAUSOLA

LE NEWS DI SKY SPORT SU WHATSAPP

Giornata di presentazione per Antoine Griezmann. Primi abbracci ai suoi nuovi compagni, prime parole, primi palleggi sul prato del Camp Nou: "Proverò a fare del mio meglio in questa nuova avventura che mi aspetta - ha esordito in conferenza stampa - con il Barcellona voglio fare cose importanti, vincere tutto, perchè gli obiettivi di questo club sono anche i miei. Ero molto entusiasta di venire a giocare qui, sono molto felice e non vedo l'ora di cominciare. Il Barça è un grande club, cercherò di fare in modo che diventi ancora più' grande. Non vedo l'ora di giocare al Camp Nou". Sorridente, poco scaramantico. La sette infatti è di proprietà di Coutinho, motivo per cui il francese ha dovuto cambiare il numero. Cosa ha scelto? Il 17, alla faccia della sorte: "Si presenta una nuova sfida - ha continuato - voglio trovare un posto nell'undici titolare e cercare di vincere quelle coppe che non ho ancora raggiunto, come la Champions League". Con l'Atletico non è finita nel migliore dei modi. Fra Colchoneros e catalani è in corso una battaglia legale riguardo alla cifra della clausola rescissoria, ma Griezmann guarda al passato senza rancore: "Avrò sempre ammirazione per loro e ho sempre dato tutto fino alla fine per quella maglia. Non mi vergogno di niente".

"Messi una leggenda"

In Spagna hanno raccontato come il suo arrivo fosse indigesto a Messi e Suarez, leader dello spogliatoio del Barcellona. Questo a causa del suo rifiuto, del "no" riservato ai catalani solo un anno fa: "Sono sempre stato molto sicuro delle mie decisioni - ha spiegato - può darsi che siano rimasti feriti per quanto successo nella passata stagione, ma se devo chiedere perdono, lo farò sul campo. A suon di asssit e gol si sistemerà tutto. Quello che posso dire per il momento è che Messi è una leggenda, sarà una gioia enorme giocare con lui, così come lo è per un cestista farlo con LeBron James".

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche