Meitè ufficiale al Milan: arriva da Pioli in prestito con diritto di riscatto a 8 milioni

Calciomercato
Instagram @acmilan

Il centrocampista francese ha firmato con il Milan: arriva in prestito oneroso da 500mila euro e riscatto fissato a 8 milioni. Ci sono anche bonus per un milione e mezzo. Meité lascia il Torino dopo due stagioni e mezzo dal suo arrivo in Serie A: con i granata 94 presenze e 3 reti in tutte le competizioni

CALCIOMERCATO, TUTTE LE TRATTATIVE LIVE

Il Milan e il Torino hanno chiuso l'affare per portare Soualiho Meité in rossonero: il centrocampista francese classe 1994 ha firmato, diventando così un giocatore della rosa di Pioli. La trattativa ha vissuto un'impennata nei giorni scorsi, soprattutto dopo l’abbandono della pista Koné del Tolosa (diretto al Mönchengladbach), e si è conclusa con la formula del prestito con diritto di riscatto, per un'operazione complessiva da circa 10 milioni di euro. Il Milan pagherà al Torino 500mila euro in questa sessione di mercato per il prestito oneroso di Meité, con riscatto fissato a circa 8 milioni, a cui sommare un milione e 500mila euro di bonus. L'arrivo di Meité consente al Milan di avere un'alternativa in più a centrocampo, dove Pioli negli ultimi tempi ha fatto a meno di Bennacer per infortunio e Krunic in quanto positivo al Covid-19, situazioni che hanno costretto l'allenatore rossonero a costringere il duo Kessie-Tonali agli straordinari o a schierare Calabria in mezzo al campo.

I numeri di Meite al Torino

leggi anche

Non solo Meité: il Milan lavora per l'attacco

Meité lascia così il Torino a due stagioni e mezzo dal suo arrivo in Serie A. Nato a Parigi, 27 anni il prossimo 17 marzo, è cresciuto nelle giovanili dell'Auxerre, club con cui ha esordito in Ligue 1 prima di passare al Lille, dove è rimasto per tre anni riuscendo anche a giocare in Champions League e giocando nell'Under 20 della Francia con alcuni dei migliori talenti del calcio francese come Rabiot e Zouma. Dopo una coppa nazionale vinta in Belgio con lo Zulte Waregem, è tornato in Francia, prima al Bordeaux e poi al Monaco. Proprio dal club monegasco è arrivato al Torino nell'estate 2018 in uno scambio alla pari con il terzino Barreca. Nella sua prima stagione in granata è stato allenato da Walter Mazzarri. L'impatto di Meité con la Serie A è stato ottimo: gol alla seconda giornata nel 2-2 sul campo dell'Inter, bis tre settimane dopo con un gran tiro da fuori area contro l'Udinese. Reti senza seguito in un'annata conclusa con un buon bilancio e 35 presenze. 

Schierato da interno destro o sinistro in un centrocampo a 3, o da centrale di centrocampo in una mediana a 2, Meité fa della forza fisica (è alto un metro e 87), del colpo di testa e del tiro dalla distanza le sue qualità principali. Frangiflutti tra le due linee in fase difensiva, abbina una buona capacità di inserimento negli spazi. Qualità che gli hanno permesso di farsi apprezzare anche da Moreno Longo, sostituto di Mazzarri nella seconda parte della scorsa stagione (chiusa dal centrocampista con 33 gare di campionato ma senza reti) e successivamente da Marco Giampaolo: nella Serie A 2020/21 Meité è sceso in campo nelle prime 14 partite stagionali, con 11 presenze da titolare, un gol nel 2-2 di fine novembre contro la Sampdoria, senza trovare il campo solo nei primi tre appuntamenti del 2021, saltando la doppia sfida di campionato e Coppa Italia proprio contro il Milan. Ora si giocherà le sue possibilità con i rossoneri, salutando il Toro dopo 94 partite e 3 reti in tutte le competizioni

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche