Pato: "Milan nel cuore, sogno di tornare. Che coppia io e Ibrahimovic!"

Calciomercato

Il brasiliano, oggi svincolato, allo scoperto nell'intervista alla Gazzetta dello Sport: "I rossoneri sono nel mio cuore, sarebbe un sogno tornare. Ora sto bene e in Serie A posso ancora dire la mia. Mi ispiro a Ibrahimovic, che coppia saremmo io e Zlatan!"

La sua storia d'amore con il Milan non si è mai del tutto interrotta: troppo amore nei confronti dei colori rossoneri, nonostante il matrimonio non sia andato nel migliore dei modi causa i troppi infortuni e qualche errore. Alexandre Pato, svincolato dopo la fine dell’avventura con il San Paolo, non nasconde tutta la sua nostalgia per il Milan: "Certo, come potrei non averla. Stiamo parlando di 150 partite, 63 gol, uno scudetto e una Supercoppa di Lega. Sarebbe un sogno poter tornare al Milan, che è nel mio cuore", ha affermato il brasiliano nell’intervista concessa alla Gazzetta dello Sport.

"Mi ispiro a Ibra. Con Zlatan saremmo una gran coppia"

approfondimento

Meité in prestito al Milan, operazione ai dettagli

"Se accetterei il ruolo di vice Ibrahimovic? Direi di sì, che problema c’è? Ma semplicemente perché io non arriverei per fare il vice: giocherei, mi basterebbero un paio di partite per convincere il mister…", ammette divertito il brasiliano classe 1989. "Magari con Ibra potremmo giocare insieme, saremmo una gran coppia. Mi ispiro a lui innanzitutto perché se Ibra può fare quel che fa a 39 anni, posso riuscirci anch’io a 31. Basta solo la volontà, che lui ha dentro e fuori dal campo. Per me è uno stimolo osservarlo. Più si invecchia e più si deve lavorare. Lui e il Milan si stanno dando tutto vicendevolmente e Ibra è fondamentale per la crescita del club. Può fare ancora un’altra stagione alla grande. E’ un bravo ragazzo, magari a volte un po’ strano ma molto buono. Impazzisco anche per Hernandez, una via di mezzo tra Cafu e Serginho", ha affermato Pato.

"Posso dire ancora la mia in Serie A"

Al di là dell’amore per il Milan, Pato lascia aperte le porte a un ritorno in Serie A: "Il mio fisico è a posto, sto bene, e la mia testa è diversa rispetto a quando mi avevate conosciuto. So quello che posso dare e cosa devo fare: la volontà è tutto e io ce l’ho. Vedo l’Europa nel mio futuro, in particolare l’Italia. In Serie A penso di poterci ancora stare e fare molto bene, compatibilmente col fatto che ho passaporto extracomunitario". Tra i club che da tempo lo seguono c’è la Fiorentina: "Valuterò quello che davvero sarà fattibile. La Fiorentina è un'ottima società, con tanti campioni e una squadra buona. E poi è una città bellissima", ha concluso l'attaccante brasiliano.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche