14 agosto 2017

Calciomercato Chelsea, Costa: "Voglio l'Atletico, Conte senza carisma"

print-icon
diego_costa_conte_lapresse

diego_costa_conte_lapresse

Diego Costa continua a lanciare messaggi al Chelsea e all'Atletico Madrid, sottolineando la sua intenzione di volersi trasferire in Spagna. Intanto, non si placa la furia dell'attaccante nei confronti di Antonio Conte

QUESTA SERA TORNA CALCIOMERCATO L’ORIGINALE, DALLE 23 SU SKY SPORT 1 E SUPERCALCIO

Uno sfogo in piena regola, un urlo che non lascia spazio a dubbi circa la volontà di Diego Costa. La sua avventura al Chelsea è ormai praticamente conclusa, archiviata da Antonio Conte con un sms che lo stesso attaccante spagnolo non ha avuto remore a rendere pubblico: "Non ho mentito riguardo quel messaggio – le parole del giocatore al Daily Mail – l’ho conservato ed è tutto vero. Mi ha scritto che non contava più su di me e che mi augurava le migliori fortune. Ho ricevuto quel messaggio mentre ero in ritiro con la Spagna, da solo, chiuso nella mia stanza. L’ho subito fatto leggere ai miei compagni e non riuscivano a crederci. Conte è un grande allenatore, non contesto il suo lavoro. Però non posso dire lo stesso del suo atteggiamento, di che tipo di persona è".

Obiettivo Atletico Madrid

Messaggio ricevuto, valigie pronte e un’unica destinazione per Diego Costa, quell’Atletico Madrid in cui è diventato grande: "Sto attendendo che il Chelsea mi liberi. Non volevo andarmene, ero felice, ma quando l’allenatore non ti vuole, puoi solo andartene. Spero di poter definire con l'Atletico Madrid entro questo mese. Il mio obiettivo è andare a Madrid, allenarmi, rimettermi in forma per poi giocare il  Mondiale. Ma sono anche disposto a restare un anno fermo in Brasile. Vogliono che mi alleni con la squadra riserve, senza nemmeno poter entrare nello spogliatoio della prima squadra. Non vogliono che interagisca con i miei ex compagni di squadra. Non è giusto, non sono un criminale: mi stanno multando ogni settimana ma la verità è che a me non interessano i soldi. Mi volevano vendere in Cina oppure in altre squadre ma io voglio andare solo all’Atletico e non dove mi pagano di più. Perché non mi lasciano andare se non mi vogliono?"

I sospetti su Conte

Lo sfogo di Diego Costa poi torna ad avere nuovamente Antonio Conte come obiettivo: “C'è Conte dietro alla volontà del club di cedermi. A gennaio sono iniziati i problemi. Era cominciata la trattativa per rinnovare il contratto, poi si è fermata e sospetto che ci sia sempre Conte dietro a tutto ciò. Lo rispetto come allenatore, ha svolto un lavoro eccellente, ma non rispetto la persona. E' lontano dai giocatori. E' distante. Non ha carisma".