user
02 luglio 2017

Calciomercato Roma, Gonalons day: oggi l'arrivo, lunedì le visite

print-icon
Maxime Gonalons - Roma

Maxime Gonalons, nuovo centrocampista della Roma (Getty)

L'ex capitano del Lione arriverà a Fiumicino alle 19, lunedì fissate le visite a Villa Stuart alle ore 8.00. Esperienza, palleggio ed equilibrio in mezzo al campo per i giallorossi, ecco chi è il nuovo rinforzo di Di Francesco.

Calciomercato L'Originale, da lunedì alle 23 su Sky Sport 3

7 partite su 10 di Serie A in esclusiva su Sky

La Roma piazza il terzo colpo in entrata: Moreno, Karsdorp, Gonalons. C'est Maxime, lui. Prossimo centrocampista dei giallorossi, un affare da 5 milioni di euro (4 anni di contratto). Monchi ha scelto bene, un acquisto intelligente in grado di far rifiatare De Rossi e offrire il giusto equilbrio lungo la mediana. Insomma, Gonalons è chiuso. E nella giornata di oggi - precisamente alle ore 19 - l'ex capitano dell'OL atterrerà a Fiumicino con un volo da Lione. Visite mediche fissate per domani a Villa Stuart, ore 8.00. Bienvenue, Gonalons.

Gonalons, equilibratore silenzioso

Descrivere Gonalons con una parola? Traccia semplice: "Equilibratore". Garantire sostanza al netto dello show. Lui è così: anti-personaggio, anti-spettacolo, poche giocate individuali. Gonalons pensa e ragiona, azzarda poco ma c'è sempre, un'ottima alternativa a De Rossi quando gli impegni diventano ravvicinati. L'esperienza c'è, in carriera ha giocato più di 330 partite col Lione, dove tra l'altro rischiò perfino di non debuttare: nel 2008, infatti, fu colpito dallo "Stafilocco aereo". Una brutta infezione, tant'è che i medici gli dissero che avrebbe potuto perdere una gamba: "Sono stati mesi difficili, per sei mesi non ho visto il campo. Ma non ho mai mollato". Qualità primaria. Classe '89, il Napoli l'ha cercato per due volte senza mai trovare l'intesa con l'OL. Era un pallino di De Laurentiis, ma Gonalons ha sempre rifiutato. Secondo l'agente perché "gli avevano parlato male della città dopo aver visto Gomorra". Intrighi di calciomercato. Riservato, pacato, un tipo tranquillo, legatissimo ai suoi figli. Idoli? "Thierry Henry! Da piccolo avevo il suo poster in camera". Adesso, invece, è diventato un esempio per i ragazzi del settore giovanile, in quanto simbolo di una generazione d'oro: "Enfants du pays". Lui, Grenier, Umtiti, Lacazette e tanti altri. In carriera ha vinto Coppa e Supercoppa di Francia nel 2012, salvo poi diventare capitano l'anno successivo. Ora, dopo una vita all'OL, sbarcherà a Fiumicino per una nuova sfida in Serie A. La Roma accoglie Gonalons.

LE ULTIME NOTIZIE DI SKYSPORT

I PIU' LETTI DI OGGI