user
16 luglio 2017

Calciomercato Hellas, Pecchia: "Siamo pochi". Out anche Caracciolo

print-icon
Fabio Pecchia, allenatore dell'hellas Verona

Fabio Pecchia, allenatore dell'Hellas Verona (lapresse)

Dopo Bianchetti (out 2 mesi), si ferma anche Caracciolo per un problema al ginocchio. È emergenza difensiva per i gialloblu: "La coperta è corta, siamo pochi dietro", ha ammesso Pecchia dopo il 4-0 alla Triestina in amichevole

Calciomercato L'Originale, da lunedì 17 luglio alle 23 su Sky Sport 1 e Supercalcio

7 partite su 10 di Serie A in esclusiva su Sky

L’Hellas Verona al lavoro per preparare al meglio la prossima stagione di Serie A. I gialloblu, neopromossi dopo il secondo posto (dietro la SPAL) dell’ultima B, sono da pochi giorni in ritiro in Trentino, a Mezzano di Primiero. Tanti i volti nuovi che si sono aggregati al gruppo di Fabio Pecchia, in particolare Antonio Cassano e Alessio Cerci. Vincenti anche le prime due uscite amichevoli del nuovo anno, una per 15-0 contro una rappresentativa locale, l’altra per 4-0 contro la Triestina. Da registrare un altro stop serio, quello di Antonio Caracciolo, che - come riporta il sito ufficiale veronese - ha ha riportato un trauma distorsivo al ginocchio sinistro. L'entità dell’infortunio per il difensore verrà valutata nei prossimi giorni, quando sarà sottoposto ad accertamenti clinico-strumentali.

Pecchia: "Atteggiamento giusto, la coperta in difesa è corta"

“Siamo ancora un po' imballati ma l'atteggiamento è buono”, ha detto l’allenatore napoletano dopo il poker alla Triestina. “Mi dispiace per l'infortunio di Caracciolo e poi vogliamo dare tutti quanti un abbraccio forte a Bianchetti (out per 2 mesi dopo l’operazione, ndr). Heurtaux? Buon giocatore, non volevo caricarlo troppo visto che abbiamo solo un difensore centrale in questo momento. Felicioli? Ci può dare un giusto contributo. La coperta in difesa è corta, in settimana arriverà Alex Ferrari, ma siamo sempre pochi dietro…”. L'allenatore del Verona ha poi concluso: "Dobbiamo rendere felici i nostri tifosi: l'amore del nostro pubblico è riconosciuto da tutta Italia. Io alleno i giocatori che ho a disposizione, poi il mercato può far cambiare ogni prospettiva di giorno in giorno. Fino a ieri allenavo Siligardi, oggi non lo alleno più. Dobbiamo continuare a lavorare”.

LE ULTIME NOTIZIE DI SKYSPORT

I PIU' LETTI DI OGGI