Giro d'Italia, Froome, impresa d'altri tempi: è la sua rivincita

Ciclismo

Francesco Pierantozzi

La fuga di Chris Froome sul Colle delle Finestre, con più di 80 chilometri da solo, è un'impresa che entra di diritto nella storia del ciclismo, tra Bartali, Coppi e Pantani. Una vittoria che vale anche come rivincita del ciclismo

FROOME: FUGA, VITTORIA E MAGLIA ROSA

Ognuno ha la sua impresa in testa, da Bartali a Coppi, da Merckx a Hinault per finire a Pantani. Una di quelle che si tramandano nel tempo, che sanno di leggenda e suonano verosimili, oggi si direbbe quasi "fake"…talmente incredibili e impossibili da non essere vere. Roba da bianco e nero nelle immagini, da ciclismo che non esiste più, da biblioteca, scritto da Buzzati, Vergani, Pratolini, Brera. Da oggi bisogna aggiornare tutto, soprattutto il file Froome, pieno fino a ieri solo di dati, watt, esasperazioni scientifiche, strategie studiate, tattiche vincenti e noiose. Un corridore accusato di dosare e mai pronto ad osare. Froome ha vinto quattro tour ma non ha mai pedalato col cuore e col rischio, con l’inventiva e la sorpresa, senza l’ombrello protettivo della squadra…uno contro tutti. Lo ha fatto oggi al Giro, sul Colle delle Finestre, più di 80 chilometri da solo, su e giù per le salite, per una fuga nel tempo, quello recuperato, e quello che ci riporta a nomi e imprese che magari qualcuno ha soltanto sentito raccontare. E’ la sua rivincita, tra la passione della gente che scopre un campione e un tipo alla mano, che parla persino italiano e che in un attimo disintegra le critiche. E’ la rivincita del ciclismo che regala emozioni anche nell’era digitale e che per una volta fa notizia senza che ci sia di mezzo il doping, Una vera impresa per qualcuno!

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche