Giro, Bilbao: "Ho aspettato momento giusto per attacco". Conti: "Ringrazio squadra"

Ciclismo
bilbaogiro

Lo spagnolo dell'Astana festeggia il successo di tappa: "Questa per me è una corsa speciale", deluso invece Formolo: "Ero il corridore più forte tra quelli in fuga". Conti conserva la maglia rosa e ringrazia: "Squadra è stata come una famiglia"

GIRO, BILBAO VINCE 7^ TAPPA

Valerio Conti resta in maglia rosa, Davide Formolo prova a vincere la tappa, ma alla fine deve arrendersi allo spagnolo Pello Bilbao, piazzandosi al terzo posto. "Ero il più forte fra i corridori in testa - osserva il veronese - ma i miei avversari se ne sono accorti e mi hanno marcato stretto. Hanno approfittato della mia condizione, del fatto che chiudevo su ogni tentativo. Quando è partito Bilbao pensavo che qualcun altro chiudesse, invece lo hanno lasciato andare. A un chilometro dalla fine ho rischiato il tutto per tutto: sono andato in progressione, ma non c'è stato nulla da fare. Però, mi consolo con il fatto che ho guadagnato 1' in vista della cronometro di dopodomani a San Marino". Per Pello Bilbao è arrivata la vittoria più importante della carriera: "Sono felice. Nel tratto finale ho guardato in faccia i miei avversari, Formolo era l'uomo da battere, si è preso la responsabilità di rispondere a una serie di tentativi, quindi sono partito. Ho guadagnato subito il margine giusto per conquistare il successo. Il Giro d'Italia è una corsa speciale per me, da tanto tempo andavo a caccia di una vittoria in un grande giro". Tappa difficile anche per la maglia rosa Valerio Conti, costretto a un continuo inseguimento per difendere il primato: “All’inizio siamo andati fortissimo, sono anche andato all’attacco perché la situazione si stava complicando. È stato difficile conservare la maglia rosa, sembrava che tutto il gruppo volesse attaccare. La squadra è stata una famiglia, devo ringraziare tutti, hanno fatto un lavoro eccezionale. Oggi ci volevano gambe, ero veramente stanco da ieri”. Chi invece non ha esultato oggi è Fernando Gaviria, che ha deciso di fermarsi, rinunciando alle ultime chance per i velocisti, dopo una cinquantina di chilometri "Ho sofferto fin dall'inizio, il ginocchio sinistro mi faceva male da alcuni giorni, ma avevo stretto i denti e proseguito - le parole del colombiano della UAE Emirates -. Non riuscivo a spingere bene sui pedali, non potevo andare avanti. E' un vero peccato, perché stavamo andando bene nelle volate ed eravamo pronti a giocarci il successo in altre tappe. Ora mi riposerò, cercherò di curarmi e di pensare ai prossimi obiettivi".

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Fai login per ottenere il meglio subito

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.