Froome ricorda l'infortunio: "Sembrava Grey's Anatomy, ora punto al Tour de France 2020"

Ciclismo

Il ciclista britannico torna a parlare dopo la caduta e il brutto infortunio che gli costò il Tour de France. "Non ricordo l'incidente. Dopo l'intervento chirurgico riuscivo a malapena a respirare. Oggi faccio fino a sei ore di esercizi al giorno e ho un grande obiettivo"

FROOME, LA CADUTA AL GIRO DEL DELFINATO

BERNAL VINCE IL TOUR DE FRANCE

Il 12 giugno scorso la caduta al Delfinato. Fratture multiple: Chris Froome salterà il Tour de France. Collo fratturato, femore destro fratturato, anca rotta e costole fratturate. A quasi due mesi da quella caduta nel corso di una ricognizione della cronometro il britannico è tornato a parlare, tramite un video pubblicato su Twitter dal Team Ineos. Paura, disperazione, dolore, poi sollievo e ora un obiettivo: il Tour del 2020. "Il mio incidente? Penso che sia stato molto strano. Non ricordo come sia avvenuto ma ricordo tutto quello che è successo dopo - ha detto Froome -. Ricordo la caduta e i primi soccorsi del mio allenatore Tim Kerrison, di Gary Blem e di Servais Knaven, tutti sulla macchina dietro di me. Penso che la mia prima domanda sia stata: 'Posso alzarmi? Posso tornare in bici? Starò bene?' Loro hanno subito chiarito che mai avrei potuto continuare il resto della gara. Ricordo anche che una delle mie prime domande è stata: 'Ce la farò per il Tour de France?' Me lo hanno subito tolto dalla testa. Non sono stati in grado di dare una prognosi immediata ma la gamba sembrava rotta, e anche il braccio non aveva un bell'aspetto. Una scena alla Grey's Anatomy, o qualcosa del genere".

Obiettivo 2020

Da quel momento l'immediato trasporto in ospedale a Saint Etienne, dove ha preso il sopravvento il dolore fisico: "Dopo l'intervento chirurgico riuscivo a malapena a respirare. I miei polmoni erano stati danneggiati dalle mie costole rotte e dal mio sterno. Stavo tossendo sangue mentre mi stavano aiutando a respirare. È stato spaventoso, la mattina dopo l'operazione ho sentito quanto fossi disperato, lì sdraiato in quel letto". Poi le buone notizie, quelle del suo recupero che sarà del cento per cento: "Era tutto ciò che volevo sentirmi dire in quel momento. Oggi faccio fino a sei ore di esercizi al giorno e mi è stato dato il via libera per iniziare a sostenere il peso sulla gamba destra danneggiata. Settimana dopo settimana mi pongo dei piccoli obiettivi per sentirmi meglio, ma l'unico vero e grande obiettivo che mi sono prefissato è quello di tornare al Tour de France l'anno prossimo".

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Fai login per ottenere il meglio subito

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.