user
01 novembre 2018

Fanta Room: i consigli statistici per l'undicesima giornata

print-icon
rin

Per tutti i fantallenatori arriva un’altra rubrica che ci permetterà di capire cosa ci si deve aspettare, in termini numerici, da ogni sfida di campionato. I numeri non dicono tutto ma possono essere un ottimo supporto interpretativo. Entrate con noi nella ‘Fanta Room’

LE PROBABILI FORMAZIONI

Siamo alla vigilia della giornata di campionato numero 11 e oggi affrontiamo un tema numerico caro a federazioni e allenatori. Fantacalcisticamente parlando, in pochi ci fanno caso ma attraverso numeri e comparazioni cercheremo di capire quanto il tempo effettivo sia importante anche nel giochino che tanto amiamo e pratichiamo.

Analizzando i numeri si scoprono cose davvero interessanti e facendo qualche conto saltano all’occhio differenze importanti. FIFA, UEFA e le varie Leghe sono d’accordo: bisogna aumentare il tempo effettivo di gioco. Anche molti allenatori hanno affrontato spesso questo tema sperando in un rapido aumento. E’ intuitivo che se una partita di 95 minuti viene giocata ‘effettivamente’ per 50 minuti, il gioco resta fermo per un totale di 45 minuti. E’ altrettanto intuitivo capire che è impossibile segnare mentre c’è un cambio, o un giocatore a terra o mentre un portiere perde tempo.

Mediamente il tempo effettivo di una gara di Serie A è di 51 minuti e 11 secondi. Andando a spulciare le classifiche sappiamo che Cristiano Ronaldo ha giocato tutti i minuti disponibili fin qui in campionato ma il portoghese poteva segnare solo con la palla in gioco. Quanto gioco effettivo ha prodotto la Juventus? Tra qualche riga lo scopriremo. Ad oggi la forbice tra le gare con maggiore e minore minutaggio effettivo è ampia: parliamo di oltre 20’ di gioco effettivo (43’ scarsi contro oltre 63’). Pensate a quanti tiri, gol e occasioni si possono creare in 20’ di gioco effettivo. Per darvi un’idea: ricordate la lunga costruzione delle azioni offensive del Napoli di Sarri? Dall’avvio alla conclusione non sono mai passati più di 100 secondi di possesso continuo.

Ci sono formazioni che spezzano spesso il gioco altrui, ci sono squadre che iniziano a perdere qualche secondo già ben prima dell’ultima mezzora. Insomma le motivazioni sono molteplici. Tornando a ‘Fanta Room’ e quindi all’aspetto fantacalcistico, conoscere le reali differenze di minutaggio effettivo può aiutare a risolvere i vostri ballottaggi. Giocare di più vuol dire (potenzialmente) avere più occasioni teoriche per segnare.
 

  1. Milan: 563 minuti e 39 secondi

  2. Empoli 537 minuti e 56 secondi 

  3. Juventus 537 minuti e 51 secondi 

  4. Napoli: 532 minuti e 33 secondi 

  5. Roma: 529 minuti e 55 secondi 

  6. Chievo: 522 minuti e 17 secondi 

  7. Fiorentina: 522 minuti e 10 secondi 

  8. Bologna: 522 minuti e 06 secondi 

  9. Lazio: 520 minuti e 47 secondi 

  10. Parma: 505 minuti e 37 secondi 

  11. Frosinone: 503 minuti e 06 secondi 

  12. Cagliari: 502 minuti e 41 secondi 

  13. Atalanta: 501 minuti e 50 secondi 

  14. Inter: 501 minuti e 10 secondi 

  15. Sassuolo: 497 minuti e 35 secondi 

  16. Sampdoria: 496 minuti e 22 secondi 

  17. Udinese: 494 minuti e 44 secondi 

  18. Spal: 489 minuti e 16 secondi 

  19. Genoa: 478 minuti e 24 secondi 

  20. Torino: 477 minuti e 45 secondi 

 

LE ULTIME NOTIZIE DI SKYSPORT

I PIU' LETTI DI OGGI
I più letti di oggi