Esplora Sky TG24, Sky Sport, Sky Video
22 novembre 2016

Kimi e Abu Dhabi: "Qui sorpassare non è facile"

print-icon
kim

A poche ore dall'ultimo GP della stagione, il pilota della Ferrari parla del tracciato di Yas Marina: "Venire qui mi è sempre piaciuto. Superare non è facile, ma la sfida è provarci"

Il Gran Premio di Abu Dhabi, ultima gara della stagione più lunga di sempre con ben 21 gare, giunge quest'anno alla sua ottava edizione. Entrata in calendario nel 2009, la corsa ospitata dal circuito di Yas Marina - a circa 30 minuti da Abu Dhabi - viene disputata a cavallo tra il giorno e la notte. Si inizia con il sole per terminare sotto la luce artificiale dei riflettori dopo il tramonto, e l'abbassamento di temperature che ne consegue influisce sul rendimento degli pneumatici, rendendola una gara unica nel suo genere. Il tracciato alterna lunghi rettilinei ad un tratto molto guidato che privilegia la trazione, la scenografia è spettacolare, i sorpassi difficili.

"Non è facile sorpassare" - Novità di quest'anno, l'introduzione delle mescole Ultrasoft, accanto a Soft e Supersoft. "Mi piace questo circuito - racconta Kimi Raikkonen a proposito di Yas Marina -. L'ultima parte del tracciato è molto lenta, ma c'è sempre una bella l'atmosfera, anche perché è l'ultima gara dell'anno. Si svolge in notturna e questo la rende diversa a livello di sensazioni. Le luci artificiali permettono una buona visibilità. A volte può non essere facile, ma le condizioni di guida non impediscono di avere una buona visuale, più o meno simile a quella che si ha di giorno. Qui non è facile superare e la sfida è provarci. Ci sono rettilinei piuttosto lunghi e molte curve difficili. Venire qui mi è sempre piaciuto, forse - conclude - perché è la fine dell'anno e ci sono diverse possibilità di intrattenimento per le persone che vengono a guardare la gara".