Esplora Sky TG24, Sky Sport, Sky Video
19 dicembre 2016

Delusione 2016, Marchionne: "Prendetevela con me"

print-icon

Il presidente Marchionne conferma che Giovinazzi sarà il terzo pilota e spera di riportare l'Alfa Romeo in F1. Arrivabene su Vettel: "Merita una macchina vincente"

La SF16H è protagonista di una delle sue ultime apparizioni e lo fa rendendo ancor più eccitante il salone dei sogni, quello dove, a Maranello, varcati i cancelli del sogno, i clienti personalizzano la scelta delle proprie Ferrari. La stanza ha anche una finestra sul reparto delle classiche, affascinante quanto mai. La monoposto messa al centro, davanti agli alberi di Natale, ferma, qualcuno si lascia scappare la battuta, l'immagine della stagione. I suoi 11 podi li ha fatti, non certo una delle migliori, ma neanche una delle peggiori monoposto della storia Ferrari, di certo, però, sotto le aspettative.

Oltre al presidente Marchionne, costretto a rincorrere i voli, per via della nebbia, e al Team Principal Arrivabene, per la prima volta, invitato al pranzo, seduto di fronte alla calda portata di tortellini (non ci può essere altro piatto da queste parti) c'è anche il direttore tecnico, Mattia Binotto. La conferenza non avviene in modo consueto, ma già seduti a tavola e via, oltre a ottimi vini bianchi e rossi, a scorrere sono soprattutto le parole.

Partiamo dalle dichiarazioni pre-stagione che hanno scaldato forse troppo le attese dei tifosi
Marchionne: Ho deciso, non farò più dichiarazioni. 12 mesi fa quello che sapevo io è completamente diverso da quanto so adesso sullo sviluppo della vettura. C'era una struttura (Allison ndr) che diceva quello che voleva dire. Onestà intellettuale. Se mi dicevano che potevamo essere quattro secondi più veloci, non potevo non crederci. La cosa peggiore è che durante la stagione la macchina non è mai migliorata. Cambiare Allison con Binotto è stato un atto dovuto e siamo sicuri che è la scelta giusta. Quando incontro la gente e mi viene chiesto perché la Ferrari non ha vinto, rispondo che ho sbagliato io con le mie dichiarazioni di inizio stagione. In genere così non te la prendi con uno che è già a terra.

Che cosa serve alla Ferrari per tornare ad appassionare e soprattutto a vincere? E c'è spazio per un ritorno dell'Alfa in F1?
Marchionne: È piu facile rispondere alla seconda. Lo spazio per far rientrare Alfa Romeo c'è, stiamo valutando come può interagire con Ferrari. Spero di potercela riportare. Per la Ferrari, abbiamo due piloti campioni del mondo, la voglia e la determinazioni ci sono, ci manca la vittoria, cosa ne pensi Mattia (Binotto ndr)?
Binotto: Ci manca la vittoria è chiaro, a volte la differenza sembra tanta, ma a volte basta poco. Quel che ci è mancato è il tempo di reazione rispetto alla progettazione per portare in pista prima degli altri le soluzioni. È questo il segreto della F1.
Marchionne: Abbiamo perso alcuni tecnici, ma non rimpiango nessuna delle scelte, sono state tutte scelte ragionate. Paddy Lowe (Mercedes) non lo abbiamo sondato, ci è stato proposto, ma non rientrava nei nostri piani tecnici. La squadra l'abbiamo e non la cambiamo.

Quanto è centrale Vettel nel vostro programma?
Arrivabene: Ieri Seb era qui, sta lavorando molto al simulatore, sta lavorando moltissimo con la squadra, di certo non è demotivato. È chiaro che a un pilota della sua classe bisogna dare una macchina all'altezza. Non dimentichiamoci che è 4 volte campione del mondo e ad Abu Dhabi con quella gara l'ha dimostrato. L'ha ripetuto più volte, voglio vincere con la Ferrari.

Cosa deve dare di più Sebastian?
Marchionne: Deve avere serenità.

Restando sui piloti, sono entrambi in scadenza e il che è già anomalo. Ci può confermare Giovinazzi terzo pilota?
Marchionne: Giovinazzi è terzo pilota questo ve lo posso ufficializzare. Verstappen è un caso unico non credo si possa replicare, ma a noi piace Giovinazzi perché è un gran pilota e abbiamo bisogno di giovani pronti a entrare e mettersi in gioco.
Per i rinnovi dei nostri due piloti c'è tempo e ci guardiamo anche intorno ovvio. È stata la miglior stagione di Kimi quindi è difficile prevedere se terremo tutti e due o no.
Non so se Kimi vorrà continuare dopo il 2017.
Sebastian si deve trovare a suo agio con la macchina e quindi aspettiamo che lo sia.

Cosa pensa del cambio di proprietà F1?
Marchionne: Saranno più efficaci per creare le condizioni per lo spettacolo. Rispetto Ecclestone, ma credo che abbiamo bisogno veramente di voltare pagina. Ragioniamo sul 2018 ormai è dovranno essere maggiormente coinvolte le squadre.