Lewis incattivito, Ferrari ok. Red Bull rimandata

Formula 1

Mara Sangiorgio

formula_1_getty

Il bilancio della prima sessione di test a Barcellona. La Rossa è partita con il piede giusto. Hamilton concentrato, non vuole lasciare niente al caso. Newey promette una RB13 molto diversa già a breve

Commedie e commedianti. Dopo il primo atto, a Barcellona si attende l’inizio del secondo ancora con più curiosità. Per capire se a partire dal prossimo martedì verrà tolta qualche maschera e i team si guarderanno davvero in faccia.

Cavallino subito rampante - La Ferrari è partita con il piede giusto. Tanti chilometri, 2176 tra Vettel e Raikkonen, e soprattutto nessuna problematica. La parola affidabilità – che l’hanno scorso non è stato proprio il forte della Rossa – è stata ripetuta e sottolineata più volte da entrambi i piloti come base di partenza importante. Tra qualche giorno si proverà sicuramente a spingere di più e mettere alle corde la SF70 H anche nelle simulazioni gara.

Hamilton insaziabile - La Mercedes rimane indubbiamente il punto di riferimento. Con la W08 i due piloti, alternandosi, hanno fatto 2597 chilometri. Bottas sta scoprendo le reali potenzialità di una monoposto vincente e ancora embrionale, Hamilton è più incattivito che mai. Concentrato in pista, spavaldo fuori: quest’anno sembra non voglia lasciare nulla al caso.

Red Bull da rivedere - La rimandata della prima sessione di test rimane la Red Bull. Adrian Newey promette una RB13 profondamente diversa già a breve, ma soprattutto è dalla Renault che ci si aspetta davvero un salto di qualità nella power unit. Tra pochi giorni ci si dovrà confrontare di più.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche