Ferrari, Vettel: "Halo? Pensavo peggio". Raikkonen: "Sono gasato"

Formula 1

A Maranello è stata presentata la SF71H, la nuova Ferrari di Vettel e Raikkonen. Sebastian: "È molto bella, ora voglio provarla in pista. Halo? Pensavo peggio, non darà fastidio". Pensiero condiviso da Kimi: "L'aspetto è un po' diverso con Halo, ma con questa auto è stato incorporato bene: c'è tanta fatica dietro, ma allo stesso tempo anche grande eccitazione"

IL DAY-4 DEI TEST A BARCELLONA
SF71H: LA FOTOGALLERY
TUTTO SULLA NUOVA MERCEDES W09
LA FORMULA 1 IN ESCLUSIVA SU SKY PER I PROSSIMI 3 ANNI
SCARICA IL CALENDARIO IN PDF

La nuova Ferrari è stata svelata nell'Auditorium di Maranello, davanti a 400 tifosi. Il suo nome è SF71H, caratterizzata dal tradizionale rosso intenso che ricopre interamente la livrea. Altre caratteristiche saltano all'occhio a prima vista: un passo più lungo, un musetto che si restringe in punta e la presenza dell'Halo, innovativo sistema di sicurezza, ben inserito all'interno del design della monoposto. I due piloti della Rossa, Sebastian Vettel e Kimi Raikkonen, hanno subito mostrato il loro apprezzamento verso la nuova Ferrari. Sebastian Vettel: "Non credo che Halo darà fastidio, ritengo che sia molto meno intrusivo di quello che pensavo. Tutti ci abitueremo al suo utilizzo. La macchina ha una seduta buona, leggermente diversa, ma sarà importante fare le verifiche in pista. È una monoposto molto bella, ora vogliamo andare in pista. Ci sono tante ore di lavoro da affrontare da qui in avanti nel corso dell'anno. Credo sia una giornata speciale per tutti, per tutto il team".

Raikkonen: "Grande eccitazione per questa auto"

Anche Kimi Raikkonen, proprio come il collega Vettel, spiega di non essere rimasto particolarmente colpito dalla presenza di Halo: "L'aspetto è un po' diverso con Halo, ma con questa auto è stato incorporato bene. Direi che è normale, i regolamenti cambiano ogni anno. C'è un grande lavoro dietro questa macchina, c'è tanta fatica ma allo stesso tempo anche grande eccitazione. E poi la proveremo in pista per avere sensazioni più precise".

I più letti