Formula 1, Fast&Curious post-GP Spagna

Formula 1

Curiosità e numeri dopo il GP di Spagna. Dai nuovi record assoluti di Lewis Hamilton, tornato nella versione “the Hammer”, alla super prestazione Mercedes che arriva a 64 vittorie su 84 GP nell’era Turbo Hybrid (2014). Per Vettel solo rimandati i festeggiamenti per la 50esima vittoria, la decima in Ferrari

CLICCA QUI PER IL DAY-2 DEI TEST LIVE

CLICCA QUI PER IL DAY-1 DEI TEST

LE CLASSIFICHE DEL MONDIALE

Frecce d’Argento, che numeri!

La Mercedes raggiunge il 161esimo podio della sua storia con Hamilton e Bottas che, terminando primo e secondo, hanno regalato alla casa anglo-tedesca la 41esima doppietta. Il pilota finlandese, dopo la beffa di Baku, con il secondo posto spagnolo sale sul gradino n°2 del podio per la quinta volta nelle ultime otto gare. È stata la prima occasione per lui in Catalunya a Montmelò, salgono così a 17 i circuiti dove è arrivato almeno terzo in carriera. Barcellona è sicuramente una pista cara alla casa di Brackley che grazie all’1-2 del sabato in qualifica monopolizza la prima fila al Montmelò da ormai 5 edizioni.

È tornato The Hammer

Per “The Hammer” arriva anche la 42esima vittoria nell’era Turbo-Hybrid…in 84 gare, la metà! Il quattro volte campione del mondo continua a riscrivere i record storici della Formula1. In Spagna ha centrato la 41esima pole-vittoria nella stessa gara, superando Michael Schumacher leggenda assoluta della F1. Non basta? Ecco la sequenza di 30 gare a punti, record di tutti i tempi assoluto

Ferrari, che succede?

I numeri del week-end non consolano le Rosse che per la prima volta nel 2018, ma più in generale nelle ultime 8 gare, mancano il podio. Per contro, Mercedes è alla 19esima gara a podio consecutiva. Per i piloti non una gara da ricordare: Raikkonen arriva in tripla cifra: sono 100 le gare corse dalla sua ultima vittoria e per Vettel sfuma la quarta pole di fila. Il tedesco resta per il momento fermo a 49 vittorie in carriera di cui 10 con la Ferrari. Alla prossima eguaglierà Massa ed Alonso.

Verstappen, 5 su 5!

Verstappen non andava in testa dal GP del Messico dell'anno scorso, che condusse dall'inizio alla fine e mantiene il suo personalissimo record secondo il quale è stato protagonista di incidenti o testacoda in tutte e 5 le gare di quest'anno. Per l’olandese è il 12esimo podio in carriera, eguaglia così Johansson e Kubica al 67esimo posto di tutti i tempi. Il risultato vale anche il 150esimo podio alla Red Bull.
Per il compagno di box, Ricciardo, quello di domenica al Catalunya è il 12esimo giro veloce in carriera, il terzo quest'anno

Alonso, non molla

Per la prima volta quest’anno Fernando Alonso è riuscito a qualificarsi per la Q3. Da otto gare di fila il pilota delle Asturie va a punti: non gli era mai successo da quando è rientrato in McLaren nel 2015.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Fai login per ottenere il meglio subito.

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.