Formula 1, Sky Spy: Ferrari-Leclerc, prove di blindatura

Formula 1

Sky Spy

Il ventunenne monegasco è legato alla Scuderia fino al termine della stagione 2022. Ma a Maranello si parla già di estensione, se Charles accetterà…

LA DIRETTA DEL GP D'UNGHERIA

Il tempo corre veloce in Formula 1. Ad inizio marzo un emozionato Charles Leclerc, alla vigilia dell’esordio in tuta rossa a Melbourne, sottolineava che il suo primo obiettivo era confermare di meritarsi una Ferrari. Cinque mesi (ed undici Gran Premi) dopo, è la Ferrari ad essersi posta l’obiettivo di blindare Leclerc. Nel quartier generale di Maranello si pensa nel lungo periodo, sia per inserire Leclerc nei programmi del prossimo decennio che per gratificare lo stesso pilota, ponendo le basi per una ottima relazione anche in ottica futura.

Oggi Charles è legato alla Ferrari da un contratto standard, che i piloti siglano quando entrano nella Driver Academy del Cavallino e prevede tutti i passaggi di carriera. La retribuzione dovrebbe attestarsi intorno ai tre milioni di euro, poi ci sono i benefit, ma è comunque un decimo dell’ingaggio di Sebastian Vettel. È giusto che una struttura che investe su un giovanissimo abbia un ritorno anche economico, considerando che per un Leclerc che arriva al vertice della piramide ci sono decine di giovani supportanti con budget importanti e non ‘arrivati’, ma a Maranello sanno bene che è meglio prevenire malumori.

Ed infatti nelle ultime settimane, secondo informazioni raccolta da SkySpy, sono iniziati i primi confronti tra i rappresentanti di Leclerc e la Ferrari, verso un punto d’incontro che non sembra neanche così distante dalle due parti: Charles punta ad ottenere un trattamento più consono alle sue performance in pista, la Ferrari punta a blindare il suo giovane ‘gioiello’. Entrambi gli obiettivi sono raggiungibili sottoscrivendo un nuovo contratto (le informazioni raccolte parlano di scadenza fine 2024) che prevede un sostanziale ritocco alla retribuzione già a partire dal 2020.

La situazione ricorda molto quella che al termine del 2016 vide coinvolti Max Verstappen e la Red Bull. L’olandese, dopo l’exploit del successo all’esordio con il team di Milton Keynes, ottenne un notevole ritocco al suo ingaggio accettando il prolungamento fino al termine del 2020. “I contratti hanno un grande valore – confidava un manager di piloti a Hockenheim – ma ciò che conta è soprattutto la qualità del rapporto. Se si deteriora ed arriva il classico ‘mal di pancia’, allora non è il contratto che garantisce il buon rapporto tra una squadra ed un pilota. Meglio giocare d’anticipo e gratificare chi ha dimostrato di fare molto bene, a dispetto di contratti capestri firmati da piloti giovanissimi ai tempi del kart”.

In Ferrari tutto ciò lo sanno molto bene, e non è da escludere che nella pausa estiva si parlerà anche di questo. Ovviamente non c’è fretta, ma come detto, il Formula 1 il tempo va veloce, molto veloce, e le cose possono cambiare in fretta. Meglio non correre rischi.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche