Formula 1, GP USA. Hamilton dopo le libere: "Dossi? Mi è venuto il mal di testa"

Formula 1

Il pilota della Mercedes, primo nelle FP" e con il titolo ormai in tasca, ha parlato della situazione del tracciato texano: "I dossi non sono qualcosa cattivo in assoluto, perché aggiungono carattere, ma qui di dossi ce ne sono troppi. Magari dovrò usare un cuscino"

GP USA, LA DIRETTA DELLA GARA

A un passo dal sesto titolo in carriera, Lewis Hamilton ha subito messo in chiaro le cose nel venerdì di Austin, chiudendo le FP2 con il miglior tempo e un passo gara impressionante. Il britannico della Mercedes ha parlato così delle condizioni del tracciato al COTA: "Dopo la prima sessione, non stavo per niente bene. Questo è il tracciato con più dossi sul quale io abbia mai corso. I dossi non sono qualcosa cattivo in assoluto, perché aggiungono carattere. E io non sono per niente un fan delle piste completamente lisce, ma qui di dossi ce ne sono troppi e il problema è che non hai chissà quali sospensioni, hai il fondoschiena praticamente attaccato al suolo e la spina dorsale che si comprime. Davvero terribile, mi è venuto un gran mal di testa e mi sono dovuto sdraiare a fine sessione".

La strategia di Lewis...

"Credo che in futuro faranno dei cambiamenti - ha aggiunto - ma al momento la pista è quella che è. Non so se per la Ferrari è stato lo stesso, mi è sembrato avessero meno problemi, forse hanno delle sospensioni più morbide. Comunque è qualcosa su cui dovremo lavorare, altrimenti sarò costretto a mettere un cuscino sul sedile o qualcosa del genere".

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche