F1, GP Ungheria. Perez e Stroll: "Racing Point monoposto legale, crediamo nel team"

Formula 1

I piloti della Racing Point, dopo il reclamo della Renault, provano a fugare i dubbi sulla legalità di una monoposto considerata da molti troppo simile alla Mercedes 2019: "Ci fidiamo della gente che lavora in questo team e ha superato tante difficoltà". Poi Perez sull'ipotesi Vettel: "Ho un contratto e credo nel futuro con la mia squadra".  Il weekend del GP d'Ungheria è in diretta su Sky Sport F1 (canale 207)

GP UNGHERIA: LA DIRETTA DI LIBERE 3 E QUALIFICHE

Un reclamo inoltrato dalla Renault alla FIA che alimenta voci e dubbi sulla Racing Point in questo Mondiale 2020. Questa monoposto - ci si chiede - non appare un po' troppo simile alla Mercedes 2019? I risultati in pista sono stati buoni finora, hanno fatto notare una crescita nelle prestazioni rispetto al precedente campionato e le forme della Racing in effetti lasciano perplessi se paragonati alla Mercedes. Ora si attendono chiarimenti sulla vicenda, con i piloti Sergio Perez e Lance Stroll (figlio del proprietario del team) che sul tema hanno parlato in conferenza stampa a Budapest.

Perez e Stroll non hanno dubbi

leggi anche

Renault, protesta contro le due Racing Point

"Mi fido molto delle persone che hanno lavorato a questa macchina - ha detto Perez nel giovedì del GP d'Ungheria - e che hanno superato negli anni problemi economici. Io credo in loro e nel loro lavoro e penso che la macchina sia al 100% legale". Alle parole del messicano hanno fatto seguito quelle del pilota canadese Stroll: "D'accordo con Checo. Durante l’inverno hanno lavorato tanto in fabbrica, abbiamo fatto vedere di essere veloci e lo faremo vedere ancora. Mi dispiace vedere che Renault abbia fatto reclamo ma dimostreremo che la macchina è legale".

Perez su Vettel

Sulla Racing Point, anche in vista della partnership del 2021 con Aston Martin, si parla molto anche dell'ipotesi Sebastian Vettel. Il tedesco, che non ha rinnovato con Ferrari, è stato accostato al "team rosa", proprio in sostituzione di Perez, il cui accordo prevede una clausola di separazione da esercitare entro il 31 luglio. "Ho un contratto con il team ma la risposta richiede tempo - ha detto lo stesso Perez - Vedremo le prossime settimane. Ma ripeto, ho un contratto e credo nel mio futuro con questo team".

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche