Formula 1, GP Russia: doppia penalità a Hamilton, ecco i motivi

Formula 1

I commissari hanno inflitto a Lewis Hamilton una doppia penalità per irregolarità in partenza: ecco spiegati i motivi dell'episodio chiave nel GP di Russia. Niente punti di penalizzazione: i commissari hanno modificato la sanzione, infliggendo una multa di 25mila euro alla Mercedes

LA CRONACA DEL GP DI RUSSIA

Lewis Hamilton come un qualunque autista indisciplinato. Il britannico è stato penalizzato di 10'' per una doppia penalità. Il motivo? Irregolarità in partenza. Il campione del mondo della Mercedes si è fermato in una posizione non corretta all’uscita dalla pitlane, non effettuando lo ‘start’ di prova in quelle che sono le zone adibite dalla Direzione Gara. Hamilton ha fatto due partenze di prova irregolari e per questo motivo gli è stata inflitta una doppia penalità. In serata i commissari hanno modificato le penalità assegnate ad Hamilton per aver infranto i regolamenti sulle prove di partenza nel pre-gara. Hanno rimosso i due punti sulla patente assegnati a Lewis e hanno sanzionato Mercedes di €25,000.

stint

Dove ha perso i punti Hamilton

Questi i momenti in cui Lewis Hamilton ha perso i 8 punti sulla 'patente' FIA negli ultimi 12 mesi:

 

  • 2 punti in Brasile '19 - Incidente con Albon 
  • 2 punti in Austria '20 - Violazione bandiere gialle in Q3
  • 2 punti in Austria '20 - Incidente con Albon 
  • 2 punti a Monza '20 - Violazione della chiusura della Pit lane

Cosa rischia Lewis Hamilton?

La FIA prevede la squalifica per una gara nel momento in cui si sono accumulati 12 punti di penalità nell'arco dei 12 mesi. I punti vengono riaccreditati dopo quel periodo. Hamilton, che ha ancora 4 punti di bonus dopo la decisione dei commissari di tramutare in una multa di 25mila euro i due punti di penalità inflitti in Russia, è dunque a rischio squalifica fino al GP di Turchia (15 novembre), quando gli verranno ridati i due punti di penalizzazione che gli erano stati inflitti in Brasile 2019 (17 novembre 2019). Lewis dovrà dunque stare molto attento a Imola, Nurburgring e Portogallo.  

"Non mi importa quanto successo in pit-lane"

Hamilton non ha spiegato il suo comportamento, che ha portato i commissari a penalizzarlo: "Non importa quello che è successo in pit-lane, ormai è andata così - ha detto a caldo il britannico -. Mi prendo questi punti. Per quanto riguarda la gara, in realtà non ho fatto granché, ho semplicemente tenuto la posizione". Questa la spiegazione di James Allison, direttore tecnico della Mercedes: "Lewis ha deciso di fare le prove di partenza più avanti, non sappiamo il perché - ha detto -. Direi che è stato un errore di tutta la squadra, perché l'ha fatta due volte e alla seconda dovevamo intervenire. La responsabilità è della squadra e del pilota, non abbiamo guardato con sufficiente attenzione". 

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche