Formula 1, GP Turchia: l'asfalto pericoloso a Istanbul e tutti i precedenti

Formula 1

Michele Merlino

Condizioni complicate a Istanbul per un asfalto scivoloso e molto insidioso anche a causa della pioggia. Ci sono precedenti in Formula 1, il primo ci riporta al 1958. Ma è dalla MotoGP che arriva il caso più simile a quello turco. Il GP domenica alle 11.10 live su Sky Sport F1 (canale 207) e Sky Sport Uno (canale 201)

GP TURCHIA, LA DIRETTA DELLA GARA

Condizioni al limite a Istanbul per una pista scivolosa che, anche nelle terze libere, a indotto a una lunga serie di testacoda. Colpa dell'asfalto risistemato recentemente e di una totale mancanza di grip legata anche all'assenza di altre competizioni in grado di rendere il tacciato più gommato. Come se non bastasse, nel sabato turco ci si è messa anche la pioggia. Ma rimanendo "aderenti" alla questione dell'asfalto, andamo a ricordare quelli che sono stati i precedenti, più o meno analoghi, in Formula 1. Dal passato della MotoGP, invece, arriva il caso più simile a quello del weekend in corso.

"Strada pericolosa", i precedenti in Formula 1

 

  • Francia 1958 (Reims). A causa del caldo l’asfalto si spappola. Dopo pochi giri la pavimentazione della curva di Thillois comincia a sgretolarsi, alzando pietre e pezzi d’asfalto al passaggio di ogni vettura. I primi a soffrirne sono Ireland (rottura degli occhiali) e Graham Hill (foro in un radiatore). Ha la peggio Gregory: al nono giro rientra con un taglio al volto.
©Getty
  • Argentina 1980 (Buenos Aires) -  L’asfalto si sgretola al passaggio delle monoposto ed in alcune curve si vedono chiaramente dei solchi pieni di porzioni di asfalto sbriciolato.
  • Belgio 1985 (Spa) - Il GP è previsto per il 2 giugno, ma viene posticipato a settembre perché l’asfalto si sgretola.
©Getty

Il precedente simile nella MotoGP

  • Gran Bretagna 2018 (Silverstone) - Al sabato si registrano numerose cadute a causa della pioggia e dell’asfalto sconnesso: a farne le spese Tito Rabat, che viene colpito dalla moto di Morbidelli e si frattura femore, tibia e perone della gamba destra. La gara viene inizialmente anticipata, nella speranza di evitare la perturbazione in arrivo, ma non c’è nulla da fare: quando arriva il momento di schierarsi in pista, le condizioni sono già pessime e si comincia con una litania di rinvii che durano ben 5 ore, dopodiché tutte le gare in programma vengono cancellate.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche