Incidente Grosjean, la FIA ha aperto un'indagine: risultati entro due mesi

Formula 1

La FIA annuncia l'apertura di un'indagine per accertare le cause dell'incidente di Grosjean in Bahrain. Sarà importante capire se tutti i dispositivi di sicurezza hanno funzionato correttamente, se i commissari di pista sono intervenuti tempestivamente e se lo staff medico ha dato il miglior supporto possibile al pilota. Adam Baker, direttore della sicurezza della FIA: "Seguiremo un processo rigoroso per scoprire cosa è successo, prima di proporre potenziali miglioramenti"

VIDEO. L'INCIDENTE DI GROSJEAN IN BAHRAIN

"Come succede per tutti gli incidenti gravi che avvengono ogni anno in Formula 1 sui circuiti sparsi in tutto il mondo, anche per questo incidente è stata aperta un’indagine". Inizia così la nota ufficiale della FIA sul terribile impatto di Grosjean nel GP del Bahrain, uscito miracolosamente vivo tra le fiamme, riportando soltanto leggere ustioni alle mani. Il pilota è già stato dimesso dall'ospedale, adesso però inizia il lavoro di indagine per studiare le cause dell'incidente, per analizzare come e se hanno funzionato tutti i dispositivi di sicurezza. "L'indagine sull'incidente di Grosjean esaminerà tutte le aree, compresi i dispositivi di sicurezza come il casco, il dispositivo HANS, l’imbracatura di sicurezza, gli indumenti protettivi, la cellula di sopravvivenza, il poggiatesta, il sistema di estinzione in auto e la protezione frontale dell'abitacolo Halo. L'analisi includerà anche l'integrità del telaio e le prestazioni della barriera di sicurezza di fronte a un impatto di tale energia e traiettoria. Si valuterà anche il ruolo dei commissari di pista e dello staff medico intervenuto sul posto".

Il processo di analisi degli incidenti

leggi anche

Grosjean: "Sto bene, ma non sono più lo stesso"

Nella sua nota, la FIA specifica che i dati raccolti sugli incidenti "vengono utilizzati dal FIA Serious Accident Study Group (SASG), presieduto dal presidente della FIA Jean Todt, dai presidenti di ogni commissione sportiva della FIA, dallo staff del dipartimento sicurezza della FIA e dai capi del reparto sportivo. Questa composizione multidisciplinare dei partecipanti, che comprende medici, ingegneri, ricercatori e funzionari, garantisce che tutti i settori dello sport motoristico siano rappresentati in questi incontri. Gli incidenti vengono analizzati dal punto di vista tecnico, operativo e medico e vengono quindi presi gli opportuni provvedimenti". Prima di essere approvati, i provvedimenti devono comunque passare dal World Motor Sport Council, come specifica anche la FIA: "Il lavoro investigativo relativo a casi di incidenti gravi o mortali viene valutato dal RWG, prima di essere esaminato da una riunione straordinaria della Commissione Sicurezza FIA, presieduta da Sir Patrick Head. I risultati vengono quindi presentati al World Motor Sport Council, l'organo di governo definitivo. In casi particolari, i casi vengono presentati anche alla FIA Drivers 'Commission, a cui viene data la possibilità di commentare e contribuire al processo investigativo".

Il direttore della sicurezza FIA: "Scopriremo cosa è successo"

approfondimento

Fiamme in F1, gli incidenti più pericolosi. FOTO

Il comunicato ufficiale della FIA riporta anche le dichiarazioni di Adam Baker, direttore della sicurezza della FIA: "Come per tutti gli incidenti gravi, analizzeremo ogni aspetto dell’incidente di Grosjean e collaboreremo con tutte le parti coinvolte. Tutti i dati raccolti in Formula 1 ci permettono di determinare con precisione ogni elemento di ciò che accade durante tutti gli incidenti. Prendiamo molto sul serio questa ricerca e seguiremo un processo rigoroso per scoprire esattamente cosa è successo prima di proporre potenziali miglioramenti".

Modifiche alle barriere del Sakhir

approfondimento

GP Sakhir in 'notturna': semaforo verde alle 18.10

Attraverso un altro comunicato ufficiale, la Fia annuncia di aver apportato delle "modifiche alle barriere in cui Grosjean ha avuto l'incidente. Il guardrail è stato interamente sostituito in questi giorni (lavori ultimati già lunedì). Verranno aggiunte due file di barriere di pneumatici, sia in quel punto e sia in altre curve della pista". Il GP del Sakhir si correrà domenica 6 dicembre in notturna, diretta su Sky Sport F1 e Sky Sport Uno dalle 18.10.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche