Caricamento in corso...
13 settembre 2017

Formula 1 High Tech: i segreti di Singapore

print-icon

La Formula 1 torna su un tracciato cittadino. Dopo Spa e Monza, piste da motore in cui la power unit della W08 ha fatto la differenza, sulle strade della “Città del Leone” le cose potrebbero cambiare . Le Frecce d’Argento dovranno affrontare una pista in cui, sulla carta, il passo corto della Ferrari potrebbe risultare più efficace.  Scopriamo tutto quello che c’è da sapere su Ferrari e Mercedes, da questa sera su High Tech, canale 207 Sky Sport Formula1HD ore 20.30

Rosse all’attacco

Con 4 successi, Sebastian Vettel detiene il record di vittorie a Singapore, indubbiamente è una pista che gli piace e in passato ha già fatto vedere di cosa è capace, sia con Red Bull che con Ferrari nel 2015. Dopo i 50 punti guadagnati da Hamilton tra Spa e Monza, il distacco tra l’Inglese e Vettel è di sole 3 lunghezze. Per la Rossa è il momento di sferrare l’attacco per mantenere alta la tensione e tornare a fare pressione sulle Frecce d’Argento. Sotto le luci di Marina Bay è tempo, per Vettel, di fare una magia!

Marina Bay

Oltre 1600 riflettori lungo tutto il tracciato rendono questa pista una delle più suggestive di tutto il campionato. Inutile negarlo è insidiosa, ogni minimo errore si paga caro. In poco più di 5 km ci sono ben 23 curve, di cui molte a 90 gradi per questo serve molta trazione in uscita e i rettilinei sono tra i più corti di tutto il mondiale. Condizione che alza ulteriormente il livello di difficoltà è lo stress fisico dei piloti. L’umidità crea nelle monoposto un clima difficile da sopportare.

Singapore Story

Nove edizioni, una più spettacolare dell’altra. Sul circuito di Marina Bay è successo di tutto. E’ la tappa dei fuoriclasse, qui infatti hanno sempre vinto solo campioni del mondo, fatta eccezione per Rosberg che vinse lo scorso anno, ma che si laureò campione solo 6 gare più tardi. La Ferrari ha trionfato due volte nel 2010 con Fernando Alonso e nel 2015 con Sebastian Vettel, ad High Tech focus tecnico sulle due Rosse che li portarono al successo la F10 e la SF15T.

I PIU' VISTI DI OGGI