Please select your default edition
Your default site has been set

NBA, quelli che aspettano Golden State-Cleveland

NBA
Secondo e ultimo scontro stagionale tra Golden State e Cleveland. A meno che... (Foto Getty)

Nella notte - a partire dalle 2 su Sky Sport 1 con commento in italiano - il secondo appuntamento stagionale tra Warriors e Cavs dopo le emozioni del Natale. Riusciranno Curry, Durant e compagni a mandare un messaggio ai campioni NBA in carica?

Se le finali dello scorso giugno e la gara del recente Natale sono diventati incubi da scacciare per i Golden State Warriors, a quasi sette mesi esatti di distanza (19 giugno 2016-17 gennaio 2017) anche il palcoscenico torna a essere lo stesso, la Oracle Arena, dove nella notte Steph Curry e compagni tornano ad affrontare i Cleveland Cavs, sul campo dove hanno perso gara-7 e anello. Se a Natale l’attesa per assistere a una sorta di rivincita dell’ultimo duello per il titolo ha acceso l’attenzione e la curiosità di tutti, dopo lo spettacolo messo in scena alla Quicken Loans Arena lo scorso 25 dicembre dalle due squadre (vittoria Cleveland 109-108 con canestro a 3.4 secondi dalla fine di Kyrie Irving) la voglia di rivederle in campo è ancora più forte, perché tanti sono i temi della sfida di Oakland. 

Kyrie Irving vs. Steph Curry — Riflettori puntati ad esempio su Kyrie Irving, visto che sono stati due suoi tiri (da tre punti in gara-7, in fade away dopo una spettacolare virata a Natale) a decidere le ultime due sfide. Due singole prodezze che raccontano tanto della capacità della point guard di Cleveland di essere alternativa affidabile sui possessi decisivi nei finali di gara a LeBron James, nonché di una difficoltà — ci si chiede se oggettiva — della difesa degli Warriors a contenere il n°1 dei Cavs. Quasi automaticamente, la curiosità si estende al suo rivale di ruolo Steph Curry, che tanto a giugno quanto a dicembre (4/11 al tiro, solo 2/7 da tre punti) ha offerto prestazioni sotto la media per quelli che sono gli strabilianti standard a cui ha abituato tutti. Punto nell’orgoglio, davanti al suo pubblico, è arrivato il momento per Curry di tornare a incantare come una volta?

LeBron James vs. Kevin Durant — Gli altri due nomi (anzi, numeri) di copertina sono ovviamente quelli del 23 dei Cavs e del 35 degli Warriors. Il primo, meritato MVP delle ultime finali, anche a Natale è stato — statistiche alla mano — il migliore dei suoi (31 punti e 13 rimbalzi con 12/22 al tiro); non gli è stato assolutamente da meno il nuovo arrivato sulla Baia, autore di 36 punti con 15 rimbalzi, frutto di un 11/23 dal campo e di un perfetto 12/12 dalla lunetta. Due potenziali MVP anche quest’anno — nonostante la sfida a distanza a colpi di triple doppie tra Harden e Westbrook catalizzi l’attenzione mediatica — James e Durant saranno ancora una volta decisivi per vedere da che parte penderà l’ago della bilancia nella equilibratissima sfida tra Golden State e Cleveland.

X Factor — Con tante altre stelle in squadra e roster profondi, c’è sempre la chance che a decidere una singola partita possano essere nomi diversi. Quelli di due cecchini dalla distanza come Klay Thompson (il 39% da tre su già 300 triple tentate, 7.7 a sera) e Kevin Love (38.5% su 244, 7 a partita), entrambi capaci di accendersi in un attimo e rendersi protagonisti di break decisivi (basta ricordare i 60 punti in 29 minuti contro Indiana del n°11 dei Cavs o il primo quarto da 37 punti contro Portland del n°0 degli Warriors). Quelli di un Draymond Green, anima difensiva (e non solo) dei californiani, o di Tristan Thompson, la cui attività sotto canestro è fondamentale nel gioco della squadra di coach Tyronn Lue. O quelli ancora dei vari Shaun Livingston (decisivo ad esempio in gara-1 delle ultime Finals) o Andre Iguodala da una parte e di due specialisti del tiro da tre come Channing Frye e il nuovo arrivato Kyle Korver dall’altra.

Ultimo appuntamento (?) — Insomma, i motivi per restare in piedi (o programmare MySky) per l’appuntamento notturno in diretta su Sky Sport 1 a partire dalle 2 con telecronaca a tre Tranquillo-Mamoli-Pessina non mancano di sicuro, anche perché di sfide tra Golden State e Cleveland — rispettivamente primo (34-6) e terzo (29-10) record NBA al momento — il calendario NBA per quest’anno non ne propone più. A meno che, come sono in tanti ormai ad aspettarsi, i vari Curry, James, Durant, Irving e Thompson non si diano nuovamente appuntamento a giugno per il terzo capitolo della trilogia Warriors-Cavs, la saga più appassionante di tutta la NBA.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Le news della tua squadra del cuore sempre in homepage

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti per personalizzare la tua homepage di Sky Sport