Please select your default edition
Your default site has been set

NBA Golden State travolge Houston: sesta W in fila

NBA

Gli Warriors spaccano in due la partita nel terzo quarto e vincono sul campo dei Rockets grazie ai 32 di Durant e i 24 di Curry. Doppia-doppia per James Harden con 17 punti e 11 assist, ma la difesa di Golden State tiene Houston al 20% da tre e vince la sesta in fila

È opinione abbastanza diffusa che in giro per la NBA ci siano solo poche squadre in grado di poter reggere e pareggiare l’urto offensivo dei Golden State Warriors, e che una di quelle siano gli Houston Rockets di James Harden e Mike D’Antoni. La partita di stanotte, però, ha raccontato un’altra storia: dopo aver chiuso il primo tempo sul +5 con i “soliti” 62 punti segnati, gli Warriors hanno aperto una voragine di 20 punti nel terzo quarto da cui i Rockets non sono mai riusciti a recuperare. Non una novità in questa stagione: il plus-minus di Golden State nei terzi quarti è di +235, con gli Spurs secondi che si fermano a +181 e gli Hornets +121, con nessun altra squadra in grado di superare quota 100. E anche contro Houston il vantaggio nell’ultimo quarto non è mai sceso sotto le 15 lunghezze.

Polveri bagnate — In questo momento Golden State vanta sia l’attacco che la difesa migliore della NBA, una combinazione di cui si sono accorti bene i Rockets, tenuti alla seconda peggior prestazione al tiro della stagione (7/35 da tre, solo con il 6/38 contro San Antonio era andata peggio) propiziato da un sanguinoso 0/10 nel terzo quarto, che si è concluso sul 37-22 per gli ospiti. I campioni della Western Conference — che negli ultimi due anni hanno eliminato i Rockets ai playoff — hanno fatto un eccellente lavoro su James Harden, che è andato a tre rimbalzi dalla tripla doppia ma è stato tenuto a soli 17 punti (solo 2 nel secondo tempo) con 6/13 dal campo, 0/5 da tre e 5 liberi tentati, spingendolo a scaricare il pallone (11 assist, pur con Ryan Anderson limitato a soli 9 minuti da un virus intestinale) ma facendogli comunque perdere 7 palle per un -20 di plus-minus che racconta bene delle sue difficoltà. “Non vuoi mai vedere Harden che danza col pallone, tira in step-back e corre per il campo ballando”, ha dichiarato nel post-partita il suo amico ed ex compagno Kevin Durant. “Abbiamo fatto un buon lavoro nel limitare i suoi tiri, facendogliela passare e contestando bene le sue conclusioni dall’arco”. L’unica buona notizia per Mike D’Antoni è rappresentata da Clint Capela, che alla terza partita dopo l’infortunio alla tibia ha finito con 22 punti e 12 rimbalzi uscendo dalla panchina, miglior realizzatore dei suoi.

Sei vittorie in fila — Dall’altra parte l’attacco degli Warriors ha funzionato a meraviglia, tirando col 53% dal campo e il 40% da tre (15/38) con i classici 30 assist di squadra, piazzando due parziali da 12-4 e da 10-2 nel terzo quarto per aprire in due la gara. Tutto il quintetto dei “Dubs” è andato in doppia cifra, guidato dai soliti Durant (32 con un efficiente 12/19 al tiro) e Stephen Curry (24 con 7 assist e 5 triple, riprendendosi il primo posto per triple segnate in stagione sopra Eric Gordon, che ha chiuso 0/7 dall’arco) e i contributi di Klay Thompson (16), Draymond Green (15, 8 rimbalzi e 7 assist) e Zaza Pachulia (10 con 9 rimbalzi). È la sesta vittoria in fila per i ragazzi di coach Kerr, la striscia più lunga attualmente aperta in NBA, per di più raccogliendo tre scalpi eccellenti come quelli di Cleveland, Oklahoma City e Houston con un margine complessivo di 73 punti: non male per una squadra che, secondo alcuni, non aveva ancora avuto una “statement win” in stagione. L’unica cosa in grado di limitare Golden State è il maltempo che si è abbattuto su Houston, impedendo loro di ripartire nella notte verso Orlando, dove domenica giocheranno contro i Magic per continuare il loro momento d’oro.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche