Please select your default edition
Your default site has been set

NBA, i risultati della notte: Westbrook dominante

NBA

La stella dei Thunder realizza 17 dei suoi 45 punti nell'ultimo periodo, trascinando la squadra nonostante l'infortunio all'avambraccio di Enes Kanter. Paul George (32) e Gordon Hayward (24) festeggiano le convocazioni all'All-Star Game guidando Indiana e Utah al successo

Oklahoma City Thunder-Dallas Mavericks 109-98 — Stavolta non c’è tripla doppia che tenga: dopo aver visto i suoi sprecare più di dieci punti di vantaggio facendo rientrare gli avversari fino al -3, Russell Westbrook è tornato in campo come una furia e ha segnato 17 dei suoi 45 punti di serata nell’ultimo quarto, trascinando a forza i suoi Thunder al successo contro i Dallas Mavericks. “Ad essere onesti, si poteva vedere già nel timeout che era pronto a esplodere”, il commento di coach Billy Donovan, che negli ultimi 8:23 di gioco ha visto la sua superstar segnare 7 dei 10 tiri tentati nell’ultimo quarto (16/29 alla fine) con tre delle quattro triple di serata (su otto tentativi). La sua striscia di triple doppie consecutive si è interrotta a tre dopo aver chiuso con 8 rimbalzi e soli tre assist (seconda peggior prestazione stagionale), ma la terza vittoria consecutiva di OKC è stata rovinata dalla notizia che Enes Kanter si è procurato una frattura nell’avambraccio destro dopo aver tirato un pugno alla panchina nel secondo quarto. La prima diagnosi parla di ben 6-8 settimane di assenza per il terzo miglior marcatore di squadra e leader della panchina. Dall’altra parte i 31 di un ottimo Harrison Barnes e i 17 di un Justin Anderson — tornato in rotazione per le assenze di Matthews, Nowitzki, Barea e Williams — non sono bastati a Dallas per continuare il momento positivo, dopo aver vinto cinque delle precedenti sette partite. 

Minnesota Timberwolves-Indiana Pacers 103-109 — In futuro i Timberwolves manderanno sicuramente alcuni dei loro giocatori all’All-Star Game, ma per il momento ci ha pensato Paul George a ricordare loro qual è la differenza tra essere una stella e non esserlo. I suoi 32 punti hanno guidato i Pacers a una importante vittoria esterna (solo la settima a fronte di 16 sconfitte), con altri due giocatori sopra quota 20 (Myles Turner con 23, Jeff Teague con 20, 8 rimbalzi e 13 assist) fondamentali per interrompere una striscia di tre sconfitte consecutive. I T’Wolves invece hanno visto interrompersi il loro filotto di tre successi in fila (sarebbe stata la prima striscia da 4 vittorie dal 2012), pur mandando sopra quota venti tutte e tre le loro stelle — Karl-Anthony Towns 33 e 10, Zach LaVine 23 e Andrew Wiggins 21 — ma subendo un decisivo 6-0 di parziale a metà ultimo quarto dal quale non sono mai riusciti a recuperare.

Utah Jazz-Los Angeles Lakers 96-88 — I Jazz festeggiano al meglio la convocazione alla partita delle stelle di Gordon Hayward, il loro primo All-Star dai tempi di Deron Williams nel 2010-11. Il prodotto di Butler University ripaga il calore ricevuto dal suo pubblico con 24 punti e la consueta efficienza (7/14 dal campo, 9/10 ai liberi e +16 di plus-minus), dando una spinta decisiva nel parziale di 16-0 nel terzo quarto che ha spaccato la partita. Se Hayward ha guidato l’attacco, in difesa sono state le sei stoppate di Rudy Gobert (9 punti e 13 rimbalzi nella sua partita) a spingere la squadra al successo, scavando un solco da cui i Lakers non sono riusciti a risalire pur realizzando un parziale di 14-4 nell’ultimo quarto per riportarsi a -4. Come al solito è stata la panchina gialloviola a produrre il maggior numero di danni, con il terzetto formato da Lou Williams (20 punti), Jordan Clarkson (16) e il sempre più sorprendente Ivica Zubac (16) a guidare il tentativo di rimonta con 25 punti dei 28 di squadra nell’ultimo quarto. 

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche