Please select your default edition
Your default site has been set

NBA, rubati a Fisher i 5 anelli vinti in carriera

NBA
Derek_Fisher_e_Carmelo_Anthony

Lunedì mattina i ladri si sono introdotti nella casa di Los Angeles di Derek Fisher, rubando oltre 300mila dollari in gioielli, tra cui i cinque anelli NBA vinti con i Lakers. L'ex coach dei Knicks aveva già fatto discutere rilasciando dichiarazioni d'accusa contro la sua ex squadra

Nelle ultime 24 ore non si fa altro che parlare di Derek Fisher; l’ex coach dei New York Knicks che tanto ha fatto discutere prima con le dichiarazioni al vetriolo rilasciate contro l’attuale coaching staff della squadra della Grande Mela e poi ritrovatosi vittima di un furto in casa da oltre 300mila dollari. Non è però l’entità economica di quanto sottratto a far notizia, ma il fatto che tra i gioielli rubati al cinque volte campione NBA ci fossero proprio gli anelli conquistati sul parquet con i Los Angeles Lakers al fianco di Kobe Bryant. L’ex playmaker, uscito dalla sua casa di Los Angeles alle 7.30 del mattino, si è ritrovato tre ore dopo con la villa svaligiata: un episodio che il diretto interessato ha più volte rifiutato di commentare.

Bordate contro i Knicks - In silenzio invece non è rimasto riguardo la situazione attuale dei New York Knicks, da lui allenati fino allo scorso 8 febbraio prima di essere sollevato dal suo incarico con un record di 23 vittorie e 31 sconfitte. Quest’anno il roster è stato profondamente cambiato, cercando il più possibile di raccogliere tanti successi nell’immediato; risultato lontano dall’essere raggiunto visto il 21-28 con cui stanno attualmente viaggiando Carmelo Anthony e compagni: “L’anno scorso siamo stati in grado di giocare meglio, dimostrando maggiore forza con un gruppo che non aveva il talento di quello di quest’anno”. Fisher prosegue poi a ruota libera: “C’è differenza tra il provare soltanto a fare l’allenatore e cercare di farlo sul lungo periodo. È una parte del lavoro che non è misurabile guardando al numero di vittorie e sconfitte raccolte, ma è quello che abbiamo fatto meglio la passata stagione”. Il momento in casa Knicks in effetti, raramente è stato così complesso, con i continui battibecchi tra Carmelo Anthony e Phil Jackson, il scomparsa di Derrick Rose prima della gara con i Pelicans, oltre agli infortuni che stanno colpendo Kristaps Porzingis (e non solo). La risposta di Jeff Hornacek quindi, è molto più abbottonata. Imbeccato dai cronisti per rilasciare un commento sul lavoro del suo collega, il coach dei Knicks ha replicato: “Bene, preferisco non farlo. Penso che sono tanti gli allenatori che preferiscono non commentare il lavoro dei colleghi. Ma alcuni certamente continueranno a farlo”. I problemi per i newyorchesi sono talmente tanti che conviene evitare di aggiungerne altri.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Le news della tua squadra del cuore sempre in homepage

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti per personalizzare la tua homepage di Sky Sport