Please select your default edition
Your default site has been set

NBA, no Love sì party: i Cavs vincono in Minnesota

NBA

I Cleveland Cavaliers vincono in volata la sfida del Target Center contro i Minnesota Timberwolves, trascinati dai 25 punti, 8 rimbalzi e 14 assist di LeBron James. Non bastano ai padroni di casa i 41 di Andrew Wiggins

LeBron James sa come battere i Minnesota Timberwolves, anche senza avere a disposizione l’ex di giornata Kevin Love, costretto a fermarsi per le prossime sei settimane a causa di un'operazione al ginocchio. I Cleveland Cavaliers conquistano infatti il successo al Target Center per 116-108, il 21° sigillo firmato dal numero 23 nelle ultime 22 gare giocate contro la squadra del Minnesota. Venticinque punti, 8 rimbalzi e 14 assist (alcuni dei quali immaginifici) messi a referto dal Re portano così il conto delle vittorie in casa Cavs a quota sei nelle ultime sette. “Abbiamo già giocato senza Kevin in precedenza – commenta James –, e lo abbiamo fatto anche durante i playoff. E per quanto non ci piaccia giocare senza uno dei nostri migliori realizzatori, è qualcosa che può succedere e bisogna farsi trovare pronti”. Pronto lui e pronto anche Kyrie Irving, perfetto con i suoi 25 punti nei panni di Robin, comprimario di lusso in un partita in cui Batman James è stato costretto ancora una volta a scollinare oltre quota 40 minuti giocati.

41 punti per Wiggins - Ai T’Wolves restano i 41 punti di Andrew Wiggins e il rimpianto da parte del giocatore, il cui destino NBA è stato spesso legato a Cleveland, di non essere riuscito in questi primi tre anni di carriera a battere i campioni NBA in carica: “È sempre stimolante giocare contro di loro, tirano fuori il meglio di me”, commenta la prima scelta assoluta proprio dei Cavs al Draft 2014, unico assieme a Karl-Anthony Towns (26 punti) e Gorgui Dieng (12) a chiudere il match in doppia cifra tra i padroni di casa. Ricky Rubio invece fatica a mettere punti a referto (soltanto 2/8 dal campo), ma molto meno a regalare assist ai compagni: alla sirena finale sono 16 per il playmaker spagnolo, conditi con otto rimbalzi e due recuperi. Wiggins ha poi anche realizzato il canestro del 93-93 sulla sirena del terzo quarto, il preludio a un quarto periodo equilibrato in cui però i Timberwolves non sono mai riusciti a passare in vantaggio. Quando LeBron a due minuti dal termine ha realizzato la seconda tripla di una serata chiusa con 10/14 al tiro, la sfida era ormai definitivamente indirizzata. A scrivere i titoli di coda ci ha pensato la rubata con canestro in contropiede di Derrick Williams: 13 punti, 6 rimbalzi e +15 di plus/minus (il migliore del match) nei 23 minuti giocati in uscita dalla panchina. Anche lui sarebbe potuto essere una stella da una parte (è stato scelto da Minnesota alla 2 del Draft 2011, alle spalle di Kyrie Irving) e adesso si ritrova a giocare per gli altri. Gli incroci di questa partita sono sempre quelli.

Un professionista nato - Il piano partita dei ragazzi di coach Thibodeau è in parte saltato quando Lance Stephenson, a cui sarebbe spettato il compito di prendersi cura di LeBron James, ha fatto crack dopo soli tre minuti trascorsi in campo. Una caviglia che compie una rotazione innaturale e che lo costringe a essere accompagno fuori dal parquet. Non solo sfortuna però, ma colpa anche dell’inesperienza che un roster così giovane porta in dote; un limite che spesso può costare caro, soprattutto nei finali di gara punto a punto. Non tutti hanno la fortuna di avere LeBron in squadra: “Mi sono sentito un professionista già da quando avevo 16 anni”, commenta a riguardo il numero 23, il quale poi chiosa piccato a chi gli fa presente di dover compiere uno sforzo extra a causa dell'assenza di Love. "È un fardello che mi porto dietro da quando sono stato scelto al Draft, perché dovrebbe cambiare qualcosa?". Passano gli anni, ma il padrone di casa a Cleveland resta sempre lo stesso.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche