Please select your default edition
Your default site has been set

NBA, Russell come Wilt: 31 triple doppie a referto

NBA

Westbrook trascina OKC al successo contro San Antonio per 102-92, chiudendo la gara con 23 punti, 13 rimbalzi e 13 assist: la 31^ tripla doppia in stagione - raggiunto Wilt Chamberlain e secondo ormai soltanto alle 41 di Oscar Robertson

Per entrare definitivamente nella storia, Russell Westbrook ha scelto una vittima illustre come i San Antonio Spurs, arrivati alla sfida contro i Thunder cavalcando una striscia di nove successi consecutivi, l’ultimo dei quali acciuffato ieri al termine della più grande rimonta dell’era Popovich. OKC invece aveva messo in fila quattro sconfitte, nonostante i 45 punti di media del numero 0. Visto che farne 40 (o 58) non sembrava essere sinonimo di successo, Westbrook è ritornato alle origini, al suo porto sicuro, chiudendo con 23 punti, 13 rimbalzi e 13 assist; la 31^ tripla doppia stagionale, eguagliato il record di Wilt Chamberlain e secondo dietro soltanto alle 41 di Oscar Robertson risalenti alla stagione 1961/1962. 25-6 lo score dei Thunder quando Russell chiude con quelle cifre, 11-23 nelle altre. “È una benedizione – commenta la point guard di OKC -. Ogni volta scendo in campo con l’intenzione di competere al più alto livello possibile. Nel momento in cui vieni nominato al pari di giocatori del genere, è comunque una benedizione. Non lo avrei mai immaginato”. Non solo Westbrook, ma anche Steven Adams, Victor Oladipo e Enes Kanter chiudono il match in doppia cifra alla voce punti, in una vittoria che, nonostante l’indiscussa leadership del numero 0, è sembrata molto più di squadra del solito. “Questo significa che siamo sulla strada giusta - prosegue Westbrook -. Ovviamente in alcuni momenti della stagione sei costretto a passare attraverso dei momenti difficili. Le squadra di un certo livello si compattano attraverso le avversità e questa notte siamo stati capaci di fare gruppo”.

La partita – Una gara convincente quella dei Thunder, avanti dall’inizio del secondo quarto e bravi a non far più rientrare nel match gli Spurs. La novità tra i padroni di casa è Domantas Sabonis che parte per la prima volta in stagione dalla panchina, lasciando il suo posto a Taj Gibson, all'esordio da titolare da quando è arrivato in Oklahoma. Alzare il quintetto vuol dire avere più possibilità a rimbalzo (48 vs. 40 in favore di OKC alla sirena) e proteggere meglio l’area. A San Antonio poi, manca la continuità nel trovare il bersaglio dalla lunga distanza (6/19 dall'arco), con l’eccezione di un Pau Gasol da 18 punti e 8/14 al tiro in uscita dalla panchina. Danny Green ci mette quasi 18 minuti invece a tentare la prima conclusione e questo, unito alle assenza forzate dettate dal riposo imposto dal calendario serrato, rende la vita complessa ai texani. Tecnica e tattica a parte, la differenza spesso la fa anche l’atteggiamento. “Sono stati molto più aggressivi di noi – commenta Gregg Popovich -, nove volte su dieci arrivavano per primi sul pallone e cose del genere ti fanno vincere una partita di basket, molto più del realizzare dei tiri o del prenderli nel modo giusto”.

“Infortunio a Leonard? Niente scuse” – Una battuta d’arresto che interrompe quindi la risalita degli Spurs verso la vetta della Western Conference, a due giorni dal match contro Golden State che potrebbe rimettere definitivamente in discussione la leadership a Ovest. A nulla servirebbe poi fermarsi a ragionare sul fatto che Kawhi Leonard causa infortunio è stato costretto a restare fuori nell’ultimo quarto d’ora abbondante di gioco, sfortunato protagonista di uno scontro con Victor Oladipo: il numero 5 dei Thunder, cadendo male dopo essere andato al ferro in penetrazione, ha colpito l’MVP delle Finali 2014 tra viso e collo, costringendolo a restare seduto in panchina fino al termine del match. “È stato colpito sulla bocca, sulla testa o qualcosa del genere – commenta coach Popovich a fine gara -. Fatto sta che il medico ha preferito non rischiarlo in campo”. Non c’era quindi il numero 2, non c’era Parker e non c’era Ginobili, ma poco importa. Le scuse stanno a zero quando parla l’allenatore degli Spurs. “Loro ci avrebbero battuti lo stesso. Se Kawhi avesse giocato nel quarto periodo, ma noi avessimo continuato lungo la nostra strada e loro avessero mantenuto quella intensità, l’avremmo persa comunque. Non accampiamo mai scuse; ci siamo presi un bel calcio nel sedere”.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Le news della tua squadra del cuore sempre in homepage

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti per personalizzare la tua homepage di Sky Sport