Please select your default edition
Your default site has been set

NBA: Kobe&Harden, tutte le verità di Dwight Howard

NBA
GettyImages-610537692

Si confessa il centro degli Atlanta Hawks: molta più ruggine verso gli Orlando Magic ("avevano promesso di cedermi a Brooklyn") che per Kobe Bryant o James Harden. E per il suo futuro ha una certezza: "Sono un giocatore da Hall of Fame". 

Dwight Howard è tornato a casa prima del via della stagione, la sua 13^ nella lega, di nuovo ad Atlanta, dove tutto è iniziato, come giocatore al liceo ma prima ancora come tifoso. Degli Hawks, ovviamente, ha raccontato a Marc Spears, giornalista di ESPN: “Non avevo scelta, a casa non avevamo la tv via cavo per cui si vedevano solo le partite di Atlanta. Ricordo le poche volte che riuscivo ad andare al palazzetto: sempre nei posti più alti, sognando come sarebbe stato vedere una partita da vicino”. Di quegli Hawks ricorda Stacey Augmon, uno dei suoi giocatori preferiti, ma anche Mookie Blalylock e Jason Terry, “che era venuto a fare un’apparizione al nostro liceo, lo ricordo ancora benissimo”. Poi, però, una dozzina d’anni lontano da casa, a Orlando per otto stagioni – dopo la prima scelta assoluta al Draft 2004 – poi a Los Angeles per un solo anno, prima di trascorrere gli ultimi tre a Houston. Una carriera che lo ha visto 8 volte all’All-Star Game e per 3 volte votato miglior difensore NBA ma dove non sono mancati momenti difficili, tanto dal punto di vista personale che relativamente al suo rendimento in campo. Nella sua Atlanta sembra rinato: destinato ai playoff (anche se difficilmente con una delle prime 4 teste di serie a Est, quindi senza fattore campo già dal primo turno), lui viaggia al 4° posto nella lega per rimbalzi (12.9 a sera, la sua miglior prestazione dai tempi di Orlando) per percentuale al tiro (vicino al 64%, suo miglior dato di sempre), anche se segna meno che in passato (solo 13 punti a partita, peggio aveva fatto soltanto da rookie) e il suo net rating è leggermente negativo, sollevando qualche dubbio sul reale impatto del n°8 su questi Hawks. Sarà proprio l'andamento ai playoff a stabilire se l'annata di Howard e di Atlanta sarà da considerare positiva o invece l’ennesima stagione interlocutoria, dopo 9 partecipazioni consecutive ai playoff ma con solo una finale di conference, quella del 2015, peraltro brutalmente persa contro i Cavs, 4-0. In attesa dei risultati del campo, però, Howard non si risparmia qualche digressione sul suo passato, buona anche per togliersi qualche sassolino dalle sue Peak, il brand cinese di cui è testimonial. 

Odio/amore con Orlando – A partire dalla sua prima (e più lunga esperienza) in Florida, a Orlando, dove ha raggiunto la sua unica finale NBA nel 2009, perdendola contro i Lakers. Due anni e mezzo più tardi, con la lega bloccata dal lockout e la stagione 2011-12 a rischio, le cose erano già cambiate completamente: “Volevo un cambiamento nella mia vita. E per averlo sentivo di dover lasciare Orlando. Niente contro la città, i tifosi, la squadra, l’allenatore [Stan Van Gundy, ndr] o i miei compagni. Era solo un’esigenza personale”, racconta lui. “Avevo chiesto di essere ceduto a Brooklyn, e mi era stato dato l’ok. Avevo già detto addio ad alcuni compagni, congedandomi dopo anni e anni in maglia Magic. E invece nulla: il giorno dopo avevano cambiato idea, niente più cessione”. Howard è costretto a far buon viso a cattivo gioco: scende in campo come niente fosse, c’è una stagione – accorciata dalla serrata – da disputare, ma qualcosa si è rotto. “Mi ha dato fastidio il fatto che abbiano cercato di mettermi contro la città, mettendo in giro voci assurde su di me. Dopo che proprio io avevo aiutato a mettere Orlando sulla mappa, mentre prima qui gli avversari venivano in città solo per andare a Disney World senza neanche preoccuparsi di dover disputare una partita”. 

 

L.A. & Houston – L’addio a Orlando, però, non gli porta quella tranquillità sperata. In una piazza come Los Angeles, anzi, le attenzioni dei media sono ancora più morbose, e del suo rapporto – si dice complicato – con Kobe Bryant si riempiono pagine su pagine. “Mai avuto un problema con lui, così come non ne ho avuti con Steve Nash”, assicura Howard. I guai erano altri, e riguardavano il suo corpo: “Mi son dovuto operare alla schiena, e son tornato in campo nonostante mi avessero consigliato di fermarmi. Ho sfiorato i 20 punti e 14 rimbalzi a sera [in realtà più vicino ai 17 e 13, ndr], in quelle condizioni, ma l’impressione è che nel mio anno ai Lakers io abbia fatto schifo”. Indossa il gialloviola solo una stagione, poi dice addio a Bryant e sceglie James Harden come suo partner-in-crime per puntare al titolo. A Houston. “E abbiamo raggiunto la prima finale di conference in 20 anni di storia dei Rockets, quando non se l’aspettava nessuno”. Pure con Harden, però, si parla di gelosia e incomprensioni. Che Howard nega, definendoli “piccoli malintesi di comunicazione”. “Mai niente di personale – giura – e anzi sono felicissimo della stagione che sta avendo quest’anno: ho sempre pensato, fin dai suoi anni a OKC, che fosse un grande giocatore”.  

Maturità ad Atlanta – Dopo tre anni in Texas, in estate la chance di tornare a casa, colta al volo. “Mi piacerebbe giocare 20 anni nella lega, questa è la mia 13^ stagione e se fosse possibile vorrei terminare la mia carriera qui, in maglia Hawks”. Per puntare in alto “dobbiamo migliorare nella costanza, giocare forte ogni quarto, per 48 minuti – dice – ma se muoviamo bene la palla e tutti sono coinvolti possiamo battere chiunque”. È ottimista “Superman”, come da personaggio, anche se non sembra facile immaginarsi Atlanta già pronta per giocarsi l’anello. “Ci penso ogni giorno. E non smetterò di farlo fino al termine della mia carriera”. Perché spessso sono le vittorie a definire l’impatto di un giocatore sulla storia del gioco. Del suo però Howard è già sicuro: “Guardate quello che son riuscito a fare: per sei anni consecutivi sono stato il miglior rimbalzista NBA, per tre volte il miglior difensore, non c’è mai riuscito nessuno [inesatto: Dikembe Mutombo ci è riuscito 4 volte, ndr]: sono un giocatore da Hall of Fame, non ho nessun dubbio”. Convinto lui…

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Le news della tua squadra del cuore sempre in homepage

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti per personalizzare la tua homepage di Sky Sport