Please select your default edition
Your default site has been set

NBA, sconfitte pesanti per Gallinari e Belinelli

NBA

Due brutte sconfitte in ottica playoff per Denver e Charlotte: i Nuggets cedono a Portland lo scontro per l'ottavo posto a Ovest, gli Hornets cadono in casa contro Milwaukee e vedono Belinelli uscire sanguinante in volto dopo una collisione con Khris Middleton

Portland Trail Blazers-Denver Nuggets 122-113 – Pur in una serata che vede C.J. McCollum mettere a segno 39 punti con 15/24 al tiro, il protagonista risponde a un nome diverso: tutti i riflettori, infatti, sono per il massimo in carriera da 33 punti conditi da 16 rimbalzi di un ex dal dente parecchio avvelenato come Jusuf Nurkic (12-7 i Blazers dal suo arrivo, lui il terzo giocatore di sempre a toccare quota 30 punti e 15 rimbalzi alla prima uscita contro la sua ex squadra, onore che condivide con Charles Barkley e Kareem Abdul-Jabbar). Per il centro bosniaco, contro i suoi Nuggets, una gara da 12/15 dal campo e 9/11 dalla lunetta, impreziosita da una polemica dichiarazione post-partita: “Auguro ai ragazzi di Denver una buona estate”. Blazers e Nuggets infatti si scontravano appaiati all’ottavo posto a Ovest, in una partita dalle evidenti implicazioni playoff, visto che dopo il successo la squadra allenata da Terry Stotts si ritrova davanti di una gara e conta anche il vantaggio degli scontri diretti, a otto partite dal termine della stagione. Portland ha 19 punti con 7 assist e 6 rimbalzi anche da Damian Lillard e 15 con 9 rimbalzi dalla panchina da Al-Farouq Aminu. 

Mira storta per Gallinari – Tutto il quintetto di Denver va in doppia cifra, dai 23 punti con 8/11 al tiro di Jameer Nelson ai 13 del nostro Danilo Gallinari, che per tutta la gara litiga con le sue percentuali al tiro (3/15 dal campo, solo 1/8 da tre punti) ma contribuisce comunque con 6 rimbalzi e con la solita precisione dalla lunetta (6/7). I Nuggets hanno ora perso 4 delle ultime 6 partite disputate e delle otto che li attendono prima della fine del campionato ben sei devono affrontarle in trasferta: la strada per i playoff appare complicata e a renderla ancora più difficile la serata magica di un ex  compagno come Jusuf Nurkic: “Ci ha preso a calci nel sedere”, le schiette parole di coach Michael Malone. “Me lo aspettavo – il commento di Nikola Jokic (al solito molto positivo con 17 punti con 8 rimbalzi e 8 assist) – sapevo che contro di noi Jusuf avrebbe cercato di fare la partita dell’anno”. Ci è riuscito. 

Charlotte Hornets-Milwaukee Bucks 108-118 – I Bucks non erano la squadra più facile da affrontare (reduci da 11 vittorie in 14 partite) ma coach Steve Clifford sperava che i suoi sentissero l’urgenza dell’ultimo treno per restare attaccati alla speranza playoff: “Invece la nostra difesa non è solo stata pessima, di più”, le sue parole. “Ci sono delle partite in cui i nostri avversari si presentano pronti a giocare e noi no. Ci hanno fatto a pezzi”. Difficile commentare diversamente un primo tempo che vede Milwaukee tirare il 72.5% dal campo (segnando 20 dei primi 26 tiri) e chiudere facilmente avanti 72-50. Un vantaggio che arriva anche fino al +26, margine che viene ridotto da un mini-tentativo di rimonta degli Hornets ma mai oltre i 9 punti. Gli ospiti hanno un protagonista inatteso in Tony Snell, che si regala il proprio massimo stagionale a quota 26 punti con 10/14 al tiro, oltre al solito Giannis Antetokounmpo da 20 punti e 8 rimbalzi e a un Malcolm Brogdon capace di centrare la sua seconda doppia doppia dell’anno, con 14 punti, 10 assist e un ottimo 6/7 al tiro. Ma è tutto l’attacco di Milwaukee a funzionare perfettamente, come testimoniato dai 31 assist sui 46 canestri segnati e dalle sole due palle perse collezionate. 

Belinelli, il danno e la beffa – Opposto il discorso in casa Hornets, dove si salvano praticamente solo Kemba Walker (26 con 10/19 al tiro) e Frank Kaminski, autore di 20 punti con 9/15. Padroni di casa incapaci di far male tanto dal perimetro (7/28 da tre punti, un misero 25%) che di far la voce grosso sotto canestro, dove perdono nettamente il duello a rimbalzo 42-31. Per Marco Belinelli al danno della sconfitta si va a sommare anche la beffa dello scontro riportato a pochi secondi dalla fine dell’incontro con Khris Middleton: è  l’azzurro ad avere la peggio, riportando un taglio sopra l’occhio destro. Beli è costretto a uscire dal campo, il viso una maschera di sangue: sono necessari diversi punti di sutura per chiudere la ferita, e neppure uno sguardo al suo tabellino può consolarlo. Il n°21 degli Hornets gioca una partita completa, poco produttiva offensivamente (solo 6 punti con 2/6 al tiro e soprattutto 0/3 dall’arco) ma che offre anche 5 assist e 4 rimbalzi, un impatto positivo confermato dal suo +8 di plus/minus. Non è abbastanza per dare a Charlotte una chance di vittoria: Miami (ottava a Est) si allontana sempre di più e ora lo svantaggio è di tre partite a nove dalla fine del campionato. 

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche