Please select your default edition
Your default site has been set

NBA, 61 punti in due per LeBron James e Kyrie Irving: è 4-0 Cleveland

NBA

Con 33 punti (ma anche 10 rimbalzi, 4 assist e 4 recuperi) di LeBron James e 28 di Kyrie Irving Cleveland vince ancora a Indianapolis 106-102 e si qualifica con un secco 4-0 al secondo turno di playoff, decimo "cappotto" in una serie di playoff per una squadra di "King" James

Sotto 0-3 nella serie e spalle al muro gli Indiana Pacers non sembrano sentire la pressione nei primi possessi di gara-4, che iniziano segnando i primi 5 punti e poi portandosi sul 18-12 con la prima delle 4 triple (nel solo primo tempo) di Lance Stephenson, spesso e volentieri battezzato al tiro dagli avversari. I Cavs rispondono affidandosi a LeBron James e Kyrie Irving: son loro, sei a testa, i primi 12 punti della serata, tutti frutto di invenzioni personali. Cleveland infatti – dopo aver chiuso sotto di due (24-22) il primo quarto – ci mette altri 3 minuti del secondo per mettere a tabellino il primo assist di squadra (solo i Bulls in questi playoff sono riusciti nell’impresa di avere zero assist in un quarto), quando LeBron arma la mano dall’arco di Deron Williams, il cui impatto uscendo dalla panchina è ottimo con 3/3 al tiro e due triple per 12 punti nel solo primo tempo. L’equivalente di D-Will in casa Pacers risponde al nome di Lance Stephenson: il n°6 di Indiana regala ai suoi 14 punti dalla panchina, ma il miglior marcatore della prima metà di gara rimane LeBron James. Arrivano infatti dal “Prescelto” 8 punti consecutivi dei Cavs sul finire del secondo quarto: sono 20 con 8/14 al tiro all’intervallo, la gran parte segnati al ferro, in un primo tempo in cui resta in campo per 23 a riprova della sua volontà di chiudere il conto il prima possibile, senza prolungare la serie alla quinta gara. All’intervallo i campioni NBA in carica sono in vantaggio di 6 punti (58-52) e hanno Kevin Love già in doppia cifra a rimbalzo con 11, mentre tra i padroni di casa fatica Paul George (solo 2/10 al tiro per 6 punti) ma oltre a Stephenson c’è in doppia cifra anche Jeff Teague, con 4/7 al tiro e 6 assist.

Di James e Irving le giocate decisive

Nel terzo quarto il vantaggio dei Cavs rimane stabile finché a non prendersi il palcoscenico ci pensano le due superstar di coach Lue: LeBron James allenta la classica chase down in rimonta su Thaddeus Young e la fa seguire a un assist al bacio per la tripla di J.R. Smith che sigla il +9 (75-66). Paul George cerca di reagire, ma arriva subito la zampata di Kyrie Irving: è suo uno spettacolare canestro&fallo (più tecnico fischiato a Teague) che porta Cleveland sull’81-69 (+12): per il n°2 dei Cavs ci sono 16 punti nel solo terzo quarto (e 28 alla fine), che gli ospiti chiudono sull’88-77. Lo svantaggio di 11 punti sembra una condanna per Indiana: le squadre di LeBron James, infatti, hanno vinto 51 quarti periodi su 51 quando davanti in doppia cifra entrando negli ultimi 12 minuti. A Lance Stephenson statistiche del genere sembrano non interessare: è lui l’uomo che guida la carica dei suoi (sarannno 22 alla fine per lui) giocando con una fisicità superiore a quella di tutti i suoi compagni. Ispirati, i Pacers piazzano un parziale da 15-4 che vede tutti protagonisti, George e Teague con una tripla a testa e poi l’ottimo Myles Turner (8/10 dal campo per lui, per 20 punti e 9 rimbalzi) per il 100-98 che porta i padroni di casa a -2 e costringe Tyronn Lue al time-out, tutt’altro che soddisfatto dell’1/11 al tiro dei suoi. Con due fondamentali canestri di Thaddeus Young Indiana prima impatta la gara e poi mette la testa avanti (102-100, 19-4 il parziale). A 70 secondi dalla fine LeBron James mette la tripla in faccia a Turner per il +1 (33 punti per il "Re") e poi ruba palla a Young sul possesso difensivo. Dopo due liberi di Kyle Korver, Indiana ha l’ultimo possesso sotto di tre con cui può ancora impattare la partita e mandarla ai supplementari, nel tentativo di prolungare la propria stagione. Teague e George però pasticciano e la tripla della disperazione di PG13 non trova neppure il ferro. Finisce 106-102 e per Cleveland è un 4-0 che conferma la piacevole abitudine di LeBron James al “cappotto”: sono 10 le serie vinte a zero dalle sue squadre (record NBA di Tim Duncan - e degli Spurs - superato) mentre se Paul George dovesse aver giocato la sua ultima gara in maglia Pacers di certo non sarà ricordata volentieri, né da lui, né dai tifosi di Indiana: per il n°13 infatti solo 5/21 al tiro per 15 punti.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche