Please select your default edition
Your default site has been set

NBA, storie tese tra Westbrook e Beverley in campo e fuori

NBA

Prima il faccia a faccia in campo e poi le polemiche in conferenza stampa: "Ha dovuto prendere 34 tiri per segnarne 40" attacca Beverley; "Viene a dirmi di essere un buon difensore dopo che gli ho segnato 47 punti in faccia", risponde il numero 0 di OKC

Alla fine ad avere la meglio sono stati gli Houston Rockets. Prevedibile, visto la completezza e compattezza della squadra di coach D’Antoni, rispetto agli egocentrici Oklahoma City Westbrook. A prendersi cura del numero 0 nelle cinque gare della serie ci ha pensato Patrick Beverley, che il suo scopo, ossia vincere quattro partite nel minor tempo possibile, lo ha portato a casa con relativa facilità. Nella battaglia personale che ha infiammato questi dieci giorni però, i pareri sono discordanti, visto che a leggere le statistiche di Westbrook qualcuno potrebbe obiettare sull’efficacia della “marcatura” del numero 2 dei Rockets. Le medie infatti sono impressionanti: 37.4 punti, 11.6 rimbalzi e 10.8 assist in quasi 39 minuti giocati a partita, come se Westbrook non riuscisse a fare a meno di avere una tripla doppia a referto anche ai playoff. In molti però obietteranno (giustamente) che quelle cifre sono state messe assieme con percentuali modeste, per non dire dannose: un 43.1% di percentuale effettiva che lascia un po’ perplessi e che dà credito alle parole di Beverley e ne legittima l’operato. Su una cosa invece si può davvero essere tutti d’accordo: i Thunder l’hanno persa soprattutto quando Westbrook è rimasto seduto in panchina. Senza di lui infatti, il resto del roster di OKC ha giocato 46 minuti chiusi con un eloquente -51.3 di Net Rating, a differenza del +4.9 archiviato nei 194 trascorsi dal numero 0 in campo. Una gran bella differenza.

 “I numeri non mentono”

Dopo il faccia a faccia di metà quarto quarto in campo, è in conferenza stampa che Beverley regala il meglio di sé, libero finalmente di potersi togliere tutti i vari sassolini che ha trascinato nelle sue scarpe in queste due settimane. “Quella è stata la prima volta che ci siamo rivolti la parola in questa post-season – racconta il numero 2 facendo riferimento all’episodio che è costato un fallo tecnico a entrambi -, lui è davvero un grande giocatore… Ha detto che nessuno sarebbe stato in grado di marcarlo, che lui aveva realizzato 40 punti. È fantastico, gli ho risposto, ma ha dovuto prendere 34 tiri per metterli a referto. Non sono qui per provare a sminuire nessuno. Anche perché gli uomini mentono, le donne mentono, i numeri no”. Un punto di vista discordante rispetto a quello di Westbrook, che risponde a stretto giro dicendo: “Sì certo, era lì a parlare di come lui fosse uno dei giocatori nominati nel primo quintetto dei migliori difensori NBA, ma non capivo cosa stesse dicendo visto che a quel punto del match avevo già realizzato 42 punti. Non riesco a comprendere a cosa si riferisse. Forse stava sognando o qualche altra cazzata del genere”. Stupidaggini o meno, Houston continuerà la sua corsa playoff, mentre a Westbrook non resta altro che il rammarico di una stagione in cui difficilmente avrebbe potuto fare e dare di più.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Le news della tua squadra del cuore sempre in homepage

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti per personalizzare la tua homepage di Sky Sport