Please select your default edition
Your default site has been set

NBA, con 26 di Hayward gara-7 è di Utah: è la fine di un'era per L.A.?

NBA

Finisce in gara-7, davanti al pubblico di casa, la stagione di Chris Paul e compagni, sconfitti 104-91 da Utah, che manda ben sette giocatori in doppia cifra, guidati dai 26 punti di Gordon Hayward. È l'ultima partita di Paul Pierce: sarà anche la fine di questi Clippers?

L’unica gara-7 del primo turno inizia con i due protagonisti più attesi subito alla ribalta: nel primo quarto Chris Paul segna 9 punti, Gordon  Hayward risponde con 7 ma la vera notizia sono i due falli quasi immediati di Rudy Gobert (che commette poi il terzo appena rientrato nel secondo periodo e sarà condizionato dai falli per tutta la gara). Senza il francese a centro area, fa la voce grossa DeAndre Jordan (6 punti ma già 6 rimbalzi) ma coach Quin Snyder non può che essere contento di quello che Derrick Favors – a cui si affida per sostituire Gobert – gli porta in dote (3/3 al tiro e 6 punti). Non è l’unico panchinaro a rispondere presente già nella prima frazione: anche Rodney Hood segna i suoi primi tre tiri e contribuisce con 7 punti, in un quarto che vede Utah contare 8 canestri assistiti sui 10 realizzati, segno che l’attacco funziona bene. Funziona ancora meglio quando, sul 31-28, si accende per un parziale di 10-2 che costringe coach Rivers al time-out, alquanto insoddisfatto del rendimento dei suoi. Non può essere altrimenti: L.A. nei primi 10 minuti del secondo periodo segna solo 4 canestri dal campo a fronte di 6 palle perse, chiudendo la frazione con 15 miseri punti, che la condannano ad andare al riposo lungo sotto di 7 punti, 46-39. Dei 39 a tabellone poi, ben 22 sono responsabilità diretta (11) o indiretta (altri 11 arrivano dai suoi assist) di un solo uomo, Chris Paul, ma le magie del n°3 non nascondono le secche offensive dei Clippers. A parte gli 11 punti con 12 rimbalzi di DeAndre Jordan c’è davvero poco altro, mentre ai Jazz tutti danno un contributo, da George Hill a Derrick Favors, che conta 10 e punti e 9 rimbalzi all’intervallo, chiuso dagli ospiti in vantaggio 46-39. 

Il trionfo del collettivo dei Jazz

Il terzo quarto ha un protagonista davvero inatteso (o forse no, visto il numero di battaglie playoff già vissute in carriera): Boris Diaw mette a segno due giochi da tre punti e i suoi 8 punti nella frazione lanciano i Jazz al massimo vantaggio, che si dilata fino al +21. È il momento fondamentale della gara, perché rimontare più di venti punti in poco più di un quarto è impresa disperata per tutti, ancora di più per questa versione poco entusiasmante dell squadra di Los Angeles. Non si può dire però che CP3 e compagni non ci provino: vanno all’ultimo mini-riposo sul -16 ma poi, grazie ai canestri e alle invenzioni di Jamal Crawford, si riavvicinano ancora di più e con una tripla di J.J. Redick arrivano fino al -8 sul 98-90. È l’ultimo sforzo, che però non basta: i Clippers mettono a tabellone un solo punto ancora, e così i Jazz possono portare a casa senza troppi patemi la seconda vittoria esterna della serie, sicuramente la più importante perché significa qualificazione alle semifinali di conference. Finisce 104-91: Utah chiude con ben 7 giocatori in doppia cifra, guidati dai 26 punti di Gordon Hayward e questa è proprio la fotografia perfetta della squadra di coach Snyder, un collettivo di gran valore in cui tutti sono uguali (o quasi) ma uno è un po’ più uguale degli altri (il biondo n°20) non a caso unico All-Star a roster. Meritano però una menzione speciale anche Derrick Favors, autore di 17 punti con 11 rimbalzi e 8/11 al tiro, e Rodney Hood, 11 con 4/6. L.A. ha 24 punti e 17 rimbalzi (ma -16 di plus/minus) da Jordan, 20 da Jamal Crawford e 13 con solo 6/19 al tiro di un Paul in calo nel secondo tempo: è l’ultima partita della stagione per i Clippers, l’ultima della carriera per Paul Pierce (segna 6 punti, con 2/4 al tiro). Nel festeggiare i Jazz, giusto anche celebrare la carriera di un giocatore leggendario. 

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche