Please select your default edition
Your default site has been set

NBA, Ettore Messina dopo gara-2: “È stata una partita disastrosa”

NBA

Ai microfoni di Sky Sport Ettore Messina non cerca giustificazioni dopo la sconfitta in gara-2 contro i Golden State Warriors: "Ci hanno meritatamente spaccato in quattro, dobbiamo pensare a gara-3"

Senza troppi giri di parole, come da personaggio, Ettore Messina ha raccontato ai nostri microfoni le sue sensazioni dopo gara-2 contro i Golden State Warriors. “È stata una partita disastrosa” ha commentato l’assistente allenatore dei San Antonio Spurs. “Siamo arrivati probabilmente con poca convinzione di potercela giocare senza Tony Parker e Kawhi Leonard, e fin dall’inizio non ne abbiamo imbroccata una. L’impressione è che la squadra sia arrivata in campo svuotata, con pochissima convinzione di poterla portare a casa. Loro hanno giocato molto bene, ci hanno meritatamente spaccato in quattro. Sicuramente la strada in questo momento è in enorme salita: dobbiamo pensare intanto a gara-3 e magari di portarla a casa, riaprendo la serie. Fare discorsi a lunga scadenza non ha sicuramente senso in questo momento”. Parole che fanno eco a quelle pronunciate da coach Gregg Popovich dopo la partita: “L’unico modo in cui riesco a spiegarmela è che non si è trattata una questione tattica, di schemi, rimbalzi, palle perse o cose del genere. Con Kawhi fuori, sembravano non crederci. E devi crederci per forza. Come gruppo però non credo che lo abbiano fatto, il che significa probabilmente che si sono pianti addosso psicologicamente, in maniera inconscia, qualsiasi psico-parola vogliate usare. Non penso che abbiano iniziato la partita credendoci, e si è notato nella mancanza di voglia, di intensità, di lavoro, tutte quelle cose. E questo è deludente”. Coach Pop è poi tornato anche su gara-1: “Abbiamo sprecato un’opportunità per colpa delle palle perse: concedere 31 punti da palloni persi non è una buona cosa. Sotto canestro siamo stati molto passivi, specialmente nel finale quando avremmo potuto chiuderla e non lo abbiamo fatto. Quelle sono state le due preoccupazioni principali”. L’allenatore degli Spurs è poi passato a parlare anche dei singoli, lodando il lavoro fatto da Jonathon Simmons: “Jon è in una categoria a parte in tutti questi discorsi, mente gli altri sono dall’altra” ha commentato sul suo miglior realizzatore in gara-2 con 22 punti. Un ruolo che LaMarcus Aldridge non è riuscito a ricoprire: “LaMarcus deve segnare per noi: non può essere timido” ha detto senza giri di parole Popovich. “Nel primo quarto ha rinunciato a dei tiri e non lo può fare. Deve segnare, perché i punti devono arrivare da qualche parte. Penso che abbia una enorme responsabilità in gara-3 per uscire e fare qualcosa, che sia per se stesso o per i suoi compagni”. Giocatore avvisato, mezzo salvato?

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche