Please select your default edition
Your default site has been set

Mercato NBA, Patrick Patterson firma con OKC: triennale da 16 milioni

NBA
Patrick Patterson, 28 anni, in carriera ha giocato per Houston, Sacramento e Toronto (foto Getty)
patrick_patterson

Il lungo ex Toronto ha trovato un accordo per diventare l’ala forte titolare degli Oklahoma City Thunder: ecco perché potrebbe rivelarsi uno dei migliori contratti della lega

Dopo aver scambiato Domantas Sabonis per arrivare a Paul George e aver perso Taj Gibson in free agency, gli Oklahoma City Thunder avevano un buco da riempire nella posizione di 4 titolare. Dopo aver parlato per qualche giorno con Rudy Gay, ora il GM Sam Presti ha trovato il suo uomo: come riportato da Adrian Wojnarowski di ESPN, i Thunder sono giunti a un accordo con il 28enne Patrick Patterson, che firmerà un contratto da 16.4 milioni per i prossimi tre anni, con l’ultima stagione con opzione a favore del giocatore. Un contratto standard definito come la Mini-Mid Level Exception – uno dei pochi a disposizione dei Thunder che si trovano vicini alla luxury tax (dovendo peraltro ancora rifirmare Andre Roberson) – ma che può rivelarsi un grandissimo affare per un giocatore che, anche solo nella scorsa stagione, guadagnava ben più dei 5 milioni abbondanti di questo accordo. Sotto certi aspetti, Patterson è uno dei giocatori più sottovalutati della lega: le sue cifre grezze (6.8 punti e 4.5 rimbalzi in 25 minuti) non raccontano per nulla la sua utilità sul campo da gioco, data soprattutto dalla prolificità nel tiro perimetrale (37% da tre nella scorsa stagione e in carriera) e la qualità difensiva, grazie alla capacità di marcare più di una posizione grazie alla rapidità di piedi. Patterson ha però perso minuti nell’ultima stagione a Toronto per colpa di un ginocchio sinistro in disordine e per l’arrivo di Serge Ibaka – rinnovato a cifre notevoli dai Raptors insieme a Kyle Lowry, tanto da mandarli ben oltre la tassa di lusso e quindi rendere impossibile trattenere “2Pat” –, oltre alle ben note difficoltà a rimbalzo difensivo che lo hanno sempre limitato a un ruolo in uscita dalla panchina. Ma questo suo difetto potrebbe essere mitigato dalle presenze di un compagno di reparto come Steven Adams e soprattutto due rimbalzisti come Russell Westbrook e Paul George, facendo invece quello che sa fare meglio: aiutare la squadra a vincere aprendo il campo in una delle peggiori squadre nel tiro da fuori. Nei suoi quattro anni in Canada, i Raptors sono sempre andati enormemente meglio quando lui è stato sul parquet: +10.9 di differenziale su 100 possessi lo scorso anno (e solo +0.9 senza); +9.3 due anni fa (+0.8 senza); +5.3 tre stagioni fa (+0.8 senza); e +9.3 nelle 63 partite disputate con i canadesi dopo essere stato scambiato da Sacramento nel pacchetto per Rudy Gay (solo +1.7 senza). È curioso che proprio le carriere dei due giocatori si siano incrociate di nuovo: OKC aveva cercato di convincere Gay ad accettare il contratto dato a Patterson, ma evidentemente l’ex giocatore dei Kings è convinto di ricevere offerte più sostanziose sul mercato nonostante sia reduce dalla rottura del tendine d’Achille. Ora quel posto appartiene a Patterson, che finalmente avrà la possibilità di giocare da titolare per una squadra che vuole fare rumore nella ultra-competitiva Western Conference.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche