Caricamento in corso...
09 luglio 2017

Houston ricopre d’oro James Harden: 230 milioni in sei anni!

print-icon
James Harden

James Harden, 28 anni a fine agosto, ha giocato cinque stagioni a Houston (Foto Getty)

Gli Houston Rockets hanno trovato un accordo con la loro stella per estendere il suo contratto fino al 2023: sommando l'attuale contratto da 60 milioni in due anni e l'estensione da 107 in quattro stagioni, arriverà a guadagnare la cifra record di 230 milioni

Per la seconda estate consecutiva, gli Houston Rockets e James Harden hanno rinnovato le loro promesse di amore eterno firmando un’estensione contrattuale da record. Nella notte di ieri Harden ha trovato l’accordo per un contratto al super-massimo che gli garantirà un totale di circa 230 milioni di dollari nei prossimi sei anni, rimanendo con Houston fino al 2023, quando avrà quasi 34 anni. Il vice-MVP dell’ultima stagione ha ancora due anni di contratto a 59 milioni complessivi, ma con questa estensione – resa possibile grazie al primo quintetto All-NBA conquistato nelle ultime due stagioni e da una clausola ad hoc per lui e per Russell Westbrook nel nuovo contratto collettivo – si assicura ulteriori quattro anni al massimo salariale (da stabilire precisamente nell’estate del 2019). Secondo le stime attuali con un salary cap a 108 milioni, Harden guadagnerà 37.8 milioni nel 2019-20, 40.8 milioni l’anno successivo, 43.8 nel terzo anno e infine 46.8 milioni per il 2022-23, diventando l’unico giocatore di tutta la NBA a essere firmato così a lungo. Ovviamente si tratta del contratto più ricco di sempre, superiore anche al quinquennale vergato da Steph Curry allo scoccare della mezzanotte dell’1 luglio. “ Houston è casa mia” ha detto in una dichiarazione il numero 13 dei Rockets, che formerà una nuova coppia dei sogni con Chris Paul, il quale si è congratulato su Twitter scrivendo in maniera scherzosa "al diavolo la palla, dammi un po' di soldi!". “Il proprietario Leslie Alexander mi ha dimostrato il suo totale impegno a vincere: i miei compagni e io continueremo a lavorare per migliorare e competere per i titolo”. Un impegno sottolineato anche dal fatto che, dopo essersi assicurati “CP3”, i Rockets sono tornati a discutere con i New York Knicks per arrivare a Carmelo Anthony, secondo quanto riportato da ESPN. E così da due le stelle degli Houston Rockets potrebbero diventare tre, che da sempre è l’obiettivo del GM Daryl Morey: staremo a vedere se la sua visione riuscirà a diventare realtà. Intanto, Harden è stato bloccato per il resto degli anni migliori della sua carriera – e c’è da scommettere che un giorno la sua maglia numero 13 verrà innalzata al tetto del Toyota Center.

Il mixtape definitivo di James Harden