Please select your default edition
Your default site has been set

New York trova il nuovo GM: Carmelo Anthony rimane?

NBA
Scott Perry e Carmelo Anthony, futuro insieme a New York? (foto Getty)
new_york_knicks_cover

Dopo le trattative saltate con David Griffin, la franchigia newyorkese ha trovato il nuovo GM in Scott Perry, ex vice-presidente dei Sacramento Kings. Il suo arrivo potrebbe portare a una clamorosa permanenza di Carmelo Anthony nella Grande Mela?

Dopo aver tergiversato a lungo, i New York Knicks dovrebbero aver trovato la loro nuova guida: il nome giusto è quello di Scott Perry, che dovrebbe diventare il nuovo general manager della franchigia newyorkese. Perry al momento è il vice-presidente delle operazioni sportive dei Sacramento Kings, i quali devono ancora trovare un accordo coi Knicks per una compensazione monetaria in modo da lasciar libero il loro dirigente – che era stato assunto solo pochi mesi fa, dopo l’addio agli Orlando Magic. Il nuovo GM non sarà però l’ultimo a prendere le decisioni, perché nella posizione di presidente è stato promosso Steve Mills, che fino ad oggi era il numero 2 in casa Knicks alle dipendenze di Phil Jackson, lasciato andare poco prima dell’inizio della free agency. A Perry verrà comunque lasciata ampia libertà di manovra per poter gestire le attività quotidiane della squadra pur senza avere l’ultima parola, mantenendo però intatto il resto della dirigenza – cosa che aveva fatto saltare le trattative con l’ex GM dei Cleveland Cavaliers David Griffin. L’ex dirigente dei Kings – che ha avuto esperienze anche a Seattle, Oklahoma City e Detroit – è stato funzionale alla scelta dei tre rookie dell’ultimo Draft (De’Aaron Fox, Justin Jackson e Harry Giles) oltre ai veterani George Hill, Vince Carter e Zach Randolph in free agency.

Carmelo Anthony rimane?

Soprattutto, l’arrivo del nuovo GM ha portato i Knicks a mettere in pausa le trattative per cedere Carmelo Anthony, considerando la possibilità di reintegrarlo nei piani dell’organizzazione. Come riportato da ESPN, dopo aver trattato per quasi un mese con i Cavs e soprattutto con gli Houston Rockets – tanto che le discussioni pareva che avessero coinvolte altre due squadre, arrivando a uno scambio a quattro –, sembra che i Knicks vogliano pensare di continuare il loro rapporto con Anthony, il quale può decidere il suo destino avendo una “no-trade clause” nel suo contratto. I Knicks incontreranno il loro numero 7 nei prossimi giorni per presentargli il nuovo front office, anche se non è chiara quale sia l’intenzione di Anthony dopo una stagione in cui ha vissuto sostanzialmente da “separato in casa”, con Jackson a ripetere più volte di non volerlo più a New York in maniera implicita ed esplicita. La volontà del 10 volte All-Stare pare sia quella di andare a giocare a Houston con James Harden e l’amico Chris Paul, il quale intervistato da The Undefeated a precisa domanda ha risposto solo: “Aspettate e vedrete”. Chissà se la nuova dirigenza non possa far saltare tutto quanto.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche