03 ottobre 2017

NBA, Giannis Antetokounmpo fuori a tempo indeterminato dopo la morte del padre

print-icon

Dopo l'improvvisa morte del padre Charles, la stella dei Milwuakee Bucks rimarrà lontana dalla squadra per diverso tempo, come annunciato da coach Jason Kidd: "Deciderà lui quando sarà il momento giusto"

Doveva essere un momento felice per Giannis Antetokounmpo: una stagione da preparare alle porte, il primo anno del nuovo contratto da 100 milioni e un accordo da trovare per la sponsor tecnico tra Nike, adidas e Li-Ning pronte a tutto per averlo come proprio atleta. Invece la terribile notizia della morte del padre Charles, scomparso per un infarto pochi giorni fa a soli 54 anni, ha ovviamente avuto un impatto tremendo sulla stella dei Bucks e sulla sua famiglia, tanto che la franchigia ha deciso di non affrettare in alcun modo il suo rientro. “Non c’è una data per il suo ritorno: deciderà lui quando sarà il momento giusto, e sarà compito nostro aiutarlo e reinserirlo nella squadra” ha dichiarato coach Jason Kidd dopo la partita coi Dallas Mavericks. “È una situazione molto triste: le nostre preghiere vanno tutte per Giannis e la sua famiglia. Credo che stia gestendo la situazione estremamente bene, ma non sarà con noi per diverso tempo. Quando lo farà, troverà i suoi compagni e tutta l’organizzazione pronti a supportarlo”. Pur mantenendo aperte le linee di comunicazione sia con chiamate che con messaggi, la squadra ha deciso di lasciare spazio al 22enne e alla sua famiglia, formata da mamma Veronica e i fratelli Francis, Thanasis, Alex e Kostas. Papà Charles aveva giocato a calcio da professionista in Nigeria prima di trasferirsi in Grecia nel 1991, mentre dal 2014 ha vissuto a Milwaukee per seguire da vicino le carriere dei suo figli negli Stati Uniti - i quali, tranne Francis che ha giocato a calcio, sono tutti impegnati a vario livello con la pallacanestro, tra D-League, college e high school. Nella giornata di sabato la franchigia aveva rilasciato un comunicato ufficiale dicendo: “La famiglia dei Bucks ha il cuore a pezzi per l’improvvisa morte del padre di Giannis, Charles. L’intera organizzazione, i suoi compagni di squadra e gli allenatori sono presenti per supportare Giannis e la sua famiglia in questo momento incredibilmente difficile. Charles era una parte importante dei Bucks e mancherà terribilmente a tutti noi. A nome della proprietà, esprimiamo le nostre più profonde condoglianze e mandiamo le nostre preghiere a Giannis e alla sua famiglia”.

I PIU' VISTI DI OGGI