Please select your default edition
Your default site has been set

NBA, Paul George contro i suoi Pacers: “Una serataccia, qui gli altri vincono per me”

NBA

Tutti lo aspettavano, ma l'ex della serata non è riuscito a tenere fede alle aspettative, limitato dai falli: "Russ e Melo sapevano quanto ci tenessi e hanno voluto vincere a tutti i costi anche per me"

A Paul George l’emozione ha giocato un brutto scherzo. I riflettori infatti non potevano che essere puntati su di lui, alla prima sfida contro i suoi Indiana Pacers, dopo il travagliato e discusso addio di questa estate. Per il numero 13 è iniziato da subito un match che si è rivelato molto più in salita del previsto: due falli in pochissimo tempo già nel primo quarto e poi un continuo andirivieni dalla panchina, costretto a sedersi in più riprese sempre perché a rischio di commettere un ulteriore errore. Alla fine, a 6:45 dal termine del match, il sesto e ultimo fallo: 10 punti, 4/8 al tiro in 19 minuti di gioco; non quello che si può definire un grande match. “Non è successo molto spesso nella mia carriera, per fortuna – racconta sconsolato il diretto interessato a fine partita -. Ci hanno pensato gli altri a trascinare la squadra al successo; sapevano bene quanto fosse importante per me questa sfida e sono scesi in campo con la voglia giusta, portando a casa il match colmando le mie mancanze”. Un plurale in realtà riferito in particolare a Russell Westbrook e Carmelo Anthony, trascinanti il primo con la seconda tripla doppia della sua stagione (28 punti, 16 assist e 10 rimbalzi), aiutato dall’ex Knicks alla sua miglior prestazione in questa regular season: prima doppia doppia da 28 punti e 10 rimbalzi, conditi con tre stoppate. Uno che sa bene quanta voglia di rivalsa ci fosse in George, sensazione già provato dal numero 7 all’esordio contro la squadra di New York: “Russ e Melo hanno fatto un lavoro incredibile, caricandosi sulle spalle la squadra e guidando al successo tutto il resto del roster, anche me. È una sensazione indescrivibile sapere che, se per una volta le cose nel mio gioco non vanno per il meglio, ci pensano loro a portare a casa la vittoria”, chiosa il numero 13. Una stoccata neanche troppo velata lanciata alla sua squadra del passato.

Anthony: “Qui ai Thunder una serata storta non è un dramma”

Un concetto ricorrente in casa Thunder quello della complementarietà del roster, in cui una stella può permettersi il lusso di bucare una gara: “Credo che questo è il motivo per cui siamo tutti uniti, legati a questa squadra, per evitare di andare in difficoltà in momenti del genere – sottolinea Anthony -. Anche quando uno dei nostri giocatori migliori non performa come vorrebbe, c’è sempre qualcuno pronto a farne le veci. Per questo non c’è alcun motivo di recriminare, come magari sarebbe accaduto a tutti noi in altri contesti. Questa è la bellezza di far parte di una squadra del genere: nessuna paura di sbagliare o di trovarsi in una situazione in cui la palla non vuol saperne di entrare. In un contesto del genere c’è sempre qualcuno pronto a darti una mano”. Anche in questo caso, il soggetto è sottinteso e le orecchie che sicuramente staranno fischiando nei pressi del Madison Square Garden non sono una casualità. In serate di questo tipo, sarebbe facile lasciarsi andare allo scoramento; cosa che George però non ha fatto: “Sono rimasto impressionato dal suo spirito d’applicazione, nonostante tutto sembrasse destinato ad andare storto nella sua gara – commenta coach Donovan -. Il suo atteggiamento, la sua applicazione, sempre con la faccia giusta. Sono soddisfatto di come è rimasto in partita. Penso che nei momenti avversi e di difficoltà venga fuori la vera scorza di cui sono fatte le persone e questo è stato un test molto positivo sotto questo aspetto”. Importante dunque sapere di poter disporre di un paracadute di salvataggio; dalla prossima però sarà vietato sbagliare.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche