Please select your default edition
Your default site has been set

NBA, 32 punti e il canestro decisivo di Lillard condannano i Lakers, 0 punti per Ball

NBA

Al Moda Center di Portland riflettori accesi sul duello tra point guard: Damian Lillard ne segna 32 (e il canestro decisivo a 0.7 secondi dalla fine), Lonzo Ball chiude a zero punti. Per il n°0 di Portland è il terzo trentello consecutivo, impresa finora riuscita solo a Porzingis e Antetokounmpo 

Non hai Sky? Guarda lo Sport che ami subito e senza contratto su NOW TV! Clicca qui

Quando il pallone della vittoria ha gonfiato la retina del Moda Center, Damian Lillard non ha fatto altro che guardarsi il polso, un gesto ormai a lui familiare: con il punteggio in parità e il cronometro vicino allo zero è “Lillard time” e il personalissimo orologio della point guard di Portland spacca il secondo. Contro i Lakers per lui 32 punti (terzo trentello consecutivo, uno dei tre giocatori a riuscirci quest'anno insieme a Porzingis e Antetokounmpo) e il canestro della vittoria a soli 0.7 secondi dal termine, in isolamento contro le braccia lunghe di Brandon Ingram. “Avevamo perso in overtime contro Utah la scorsa sera e avevo avuto la chance di chiudere anche quella gara, senza riuscirci. Volevo redimermi e ce l’ho fatta”, le sue parole a fine gare. A dar man forte al n°0 dei Blazers ci ha pensato un Jusuf Nurkic dominante in attacco (28 punti con 12/20 al tiro, oltre a 5 rimbalzi e 5 assist) ma un po’ meno in difesa, dove ha sofferto per tutta la serata Brook Lopez, concedendo al centro gialloviola una gara da 27 punti con 9/15 al tiro. Un’abitudine, quella delle vittorie di Portland contro L.A., visto che per i gialloviola la squadra dell’Oregon è un’autentica bestia nera (sono 13 i successi consecutivi dei Blazers contro i Lakers). Quest’ultimo arriva dopo che i padroni di casa erano stati capaci di andare anche sul +18 nel primo tempo prima di vedersi però rimontato quasi interamente il vantaggio già all’intervallo (66-62). 

Record negativo per Lonzo Ball

I Lakers vengono dominati a rimbalzo (41-32) e pagano una serataccia al tiro da tre: sbagliano i primi 9 tentativi dall’arco e chiudono con un pessimo 4/18 dall’arco. Coach Walton riceve indicazioni opposte dai due rookie: se Kyle Kuzma si conferma una piacevolissima sorpresa (secondo miglior marcatore di serata con 22 punti, compreso anche il canestro del 110-110), l’attesissimo Lonzo  Ball chiude con neppure un punto, 0/2 al tiro, solo 4 assist e 3 rimbalzi: il n°2 dei gialloviola diventa così il primo rookie scelto nelle top-5 al Draft a disputare almeno 28 minuti e chiudere senza punti dai tempi di Dikembe Mutombo nel 1992. In casa Lakers contribuiscono con 14 punti a testa sia Brandon Ingram e Kentavious Caldwell-Pope in quintetto che Jordan Clarkson dalla panchina. 

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche